Icona Blog
Il blog di iWatson

VUOI CHE IL TUO BAMBINO SI ADDORMENTI DA SOLO? ECCO COME FARE!

Ti ritrovi tutto storto a dormire sul pavimento della stanza del tuo bambino ogni notte, o vieni preso a calci dal tuo bimbo, che trasforma il letto in un “ring”?Se desiderate che il vostro bambino dorma da solo nel suo letto, ecco qui un piano per voi. È importante sapere che tutti sviluppiamo dei rituali

Contenuti di questo post:

    Ti ritrovi tutto storto a dormire sul pavimento della stanza del tuo bambino ogni notte, o vieni preso a calci dal tuo bimbo, che trasforma il letto in un “ring”?
    Se desiderate che il vostro bambino dorma da solo nel suo letto, ecco qui un piano per voi.

    È importante sapere che tutti sviluppiamo dei rituali di addormentamento. Come un adulto potrebbe aver bisogno di un cuscino preferito o di una coperta, e di seguire una routine come la lettura di un libro.

    I bambini spesso si abituano ad addormentarsi solo se hanno i genitori nelle vicinanze. (Questo può succedere nella prima infanzia o apparire improvvisamente dopo una vacanza in famiglia.)
    Questa associazione può far “regredire” il bambino quando il genitore cerca di assentarsi e non riescono a dormire.
    Piuttosto che affrontare una discussione, il genitore stanco più facilmente cede e finisce prono sul pavimento, o prende il bambino nel letto.

    In realtà, un bambino non ha bisogno di un genitore durante la notte. Il bambino ha bisogno di riposo. E dormire da soli è meglio per tutti.

    Inoltre, imparare ad addormentarsi da soli, è una dote importante da raggiungere. Lo aiuta a  comprendere che si può essere soli ed essere al sicuro, allo stesso tempo. (Dopo tutto, i suoi genitori sono nella stanza accanto.)

    Come insegnare ai bambini a dormire da soli

    È possibile insegnare al bambino ad addormentarsi con un metodo gentile e supportivo. Qui, sono indicati sei passi per una migliore notte di sonno, per tutta la famiglia.

    • Esaminare i propri sentimenti. I genitori possono facilmente sentirsi in conflitto con la separazione. Si può  godere di questa particolare vicinanza, o sentire che in qualche modo permetta di recuperare il tempo perso durante il giorno. È meglio cercare di organizzare momenti speciali da condividere, come averlo vicino mentre si prepara la cena o  pianificare qualcosa di singolare durante il fine settimana.
    • Spiegare al bambino il cambiamento. Se si vuole che il bimbo capisca il nostro ragionamento, cosicché non si senta abbandonato e sia più cooperativo, si potrebbe dirgli, per esempio: “è importante per i bambini imparare ad addormentarsi da soli nei loro letti. Questo è il modo in cui i bambini possono ottenere il miglior riposo, e li aiuta a crescere sani e forti. Anche mamma e papà possono stare meglio così. Mamma e papà hanno il compito di mantenerti in buona salute, e hanno intenzione di aiutarti a farlo”.
    • Passare attraverso la vostra naturale routine serale. Le routine sono di fondamentale importanza per i bambini perché associano l’andare a dormire con attività come la lettura di libri o parlando di cosa è successo durante il giorno e sono pronti a lasciarsi andare quando è il momento di “spegnere le luci”.
    • Spostare a una sedia. Se di solito vi sedete sul letto o  vi sdraiate accanto a lei, imparate sedervi su una sedia accanto al letto. Se protestano dite: “Mamma è più a suo agio in questo modo”, e cominciate a leggere un libro. Rassicurateli in un modo gentile, ma fermo e vedrete che andrà bene.
      Ogni notte spostate lentamente la sedia sempre più lontano dal letto.
    • Di tanto in tanto, prendete delle pause per il bagno, in modo che il bambino inizi ad abituarsi a brevi assenze, e potrebbe persino addormentarsi nell’ attesa del vostro ritorno. Dopo qualche tempo, ponete la sedia davanti alla porta. Comunicate la vostra presenza (“Sono qui”), e se  esce dal letto per venirvi incontro ripetetegli con fermezza,  di “tornare a letto”. Lentamente, uscire dal suo campo visivo, ma restando vicino alla porta così potrete ancora controllare se sono svegli o se stanno prendendo sonno.
      Continuate ad aggiungere interruzioni fino a quando vi sentirete liberi di dire, “Io vado in cucina a lavare i piatti, poi torno a rimboccarti le coperte.”

    Mettete da parte almeno una settimana o due per lavorare su questo, dopodiché vi sentirete meno sotto pressione. Non disperatevi se ci vuole più tempo. È necessario dedicare a ciò tutto il tempo di cui si ha bisogno. Questa è un’abitudine difficile da rompere, ma con pazienza, fermezza e supporto questo approccio dovrebbe valere lo sforzo.

    FONTE:

    psychologytoday.com

    Libro “Insonnia”

     

      Acconsento al trattamento dei dati personali secondo il nuovo regolamento generale della protezione dei dati dell’Unione Europea (GDPR) e delle successive modifiche e secondo la Privacy Policy presente nel sito.

    • Condividi
    • Articoli correlati
      non dormo
      21 Marzo 2022 | Insonnia
      Di Enrico Rolla

      L’ insonnia, è un disturbo del sonno abbastanza comune che può avere diverse cause ma, qualunque sia il motivo per cui si è arrivati a svilupparlo è, però, importante capirlo. Perchè non riesco a dormire Tra le cause, quelle verificate, ci sono condizioni psicologiche e/o mediche, cattive abitudini circa il sonno, l’uso sostanze specifiche e/o

      28 Dicembre 2021 | Insonnia Ipnosi
      Di Rosanna Tremamondo

      Il sonno è l’ipnotico più ecologico ed economico del mondo. Non serve andare in farmacia per procurarselo, ma è già “disponibile” nel nostro corpo da quando nasciamo. Non ha rischi né effetti collaterali, non dobbiamo fare apparentemente nulla a eccezione che chiudere gli occhi quando è notte, per liberarci dalla stanchezza e recuperare le energie.

      12 Novembre 2021 | Insonnia
      Di Enrico Rolla

      Per la maggior parte delle persone, la fine di una lunga giornata è accompagnata dal pensiero di una notte tranquilla rannicchiate nel proprio letto. Per altre, la prospettiva di mettersi a letto per addormentarsi è terrificante. La Somnifobia è caratterizzata da un’intensa avversione per il sonno. Le persone affette da questa condizione cercano di evitarlo

      Seguici sui social


      © Copyright 2022 Istituto Watson P.IVA: 02407780010 – Tutti i diritti su materiali e contenuti pubblicati sono protetti – Privacy PolicyCookie Policy