Quando un gioco carpisce l’ attenzione della gente con tanto fervore occorre chiedersi come e perché sia successo. E se siete in grado di non giocare o di smettere di farlo quel tanto per continuare a leggere questo articolo, troverete che questo fenomeno è profondamente radicato nella psicologia evolutiva.

Recentemente Matthew Lynley, reporter specializzato nelle nuove tecnologie, ha spiegato i brillanti stratagemmi utilizzati dai creatori di Pokémon Go per promuovere il coinvolgimento iniziale e mantenere vivo l’ interesse fino a divenire virale.

Dal punto di vista evolutivo, i nostri cervelli funzionano molto meglio in un ambiente naturale, che è radicato profondamente nella nostra mente, rispetto ad un ambiente basato nella realtà virtuale. Il nostro comportamento è governato da due processi paralleli: uno è consapevole e ruota intorno ai nostri compiti immediati (in questo caso, vincendo Pokémon Go) e uno più inconsapevole che ha la responsabilità di garantire che non ci siano minacce o improvvisi cambiamenti nel nostro ambiente.

Quando ci intratteniamo con giochi di realtà virtuale, il nostro cervello fa una fatica doppia perché deve processare informazioni che sembrano reali, ma che non esistono. Al contrario, la riproduzione di Pokémon Go coinvolge il nostro ambiente reale attuale, con il quale la nostra mente ha più familiarità. Così, il giocare con esso, fornisce una sensazione confortevole di “fluenza cognitiva”, un collegamento mentale che segnala la familiarità in un mondo pericoloso.

Il concetto di fluidità cognitiva potrebbe sembrare ovvio: la gente preferisce le cose che sono facili da pensare. L’esperienza del mondo reale è psicologicamente più facile da gestire rispetto quella del mondo virtuale di altri giochi. La fluidità guida il nostro pensiero in situazioni in cui non abbiamo alcuna idea e ci colpisce in qualsiasi situazione in cui abbiamo bisogno di elaborare le informazioni.

Questo senso di familiarità ha una forte influenza su quali tipi di cose che le persone trovano attraente e divertente. Giocare in un ambiente familiare è molto più divertente e la familiarità ha svolto un ruolo importante nella sopravvivenza umana perché, in tempi preistorici, se qualcosa (o qualcuno) era familiare, voleva dire che si era già interagito con essa, quindi non era così pericoloso.
Pokémon Go ha altre caratteristiche che ne fanno un gioco appetibile. In primo luogo, è semplice da capire e facile da giocare per i bambini e adulti. Ogni volta che si avanza di un livello , la sfida viene riproposta e quindi la voglia di continuare si rinnova e viene rinforzata.

Un altro aspetto gratificante del gioco è il piacere inaspettato di trovare i mostri mentre si cammina. Non sappiamo quando compariranno; possono apparire in qualsiasi momento o luogo. La nostra attrazione per questa caratteristica del gioco è attribuita a dopamina, un neurotrasmettitore trovato nel nostro cervello. Gli scienziati inizialmente associano alla dopamina sensazioni di piacere, infatti un suo elevato livello è visibile durante le attività come mangiare il cioccolato, fare sesso e sentire la musica preferita, ma la ricerca negli ultimi dieci anni ha indicato che la dopamina ha funzioni aggiuntive oltre l’attivazione di gratificazione e piacere. Per alcuni, questa molecola aiuta a rilevare i cambiamenti nell’ambiente. Il sistema ruota attorno alle aspettative. Possiamo prevedere alti livelli di dopamina quando abbiamo ricompense inaspettate con livelli nel cervello di tre o quattro volte superiori rispetto alla norma. In altre parole, il premio è più piacevole quanto più è sorprendente.

Quando riceviamo denaro inaspettato in modo randomizzato, ripetiamo maggiormente l’ azione che l’ ha preceduto rispetto a quando il denaro era atteso. Questa tendenza è stata illustrata da B.F. Skinner nel 1950. Quando i suoi topi da laboratorio hanno ricevuto un premio inaspettato spingendo una leva, continuavano a spingerla anche dopo la cessazione del premio. Questo elemento di sorpresa aiuta a spiegare perché la gente non ne ha mai abbastanza di Pokémon Go.

Un’ altra caratteristica di questo gioco è quella di attivare dei ricordi del nostro passato. Uscire fuori per cercare i mostri permette di rievocare momenti vecchi e piacevoli, fornendoci un’ inestimabile opportunità di rivivere un pezzo delle nostre esperienze. Attiva le memorie passate in un modo più semplice ed immedato rispetto ai vecchi giochi sociali come nascondino.

In Pokémon Go, poi, i giocatori si sentono come se si stiano prendendo parte ad una attività reale con altre persone, anzichè essere un osservatore a distanza dietro uno schermo, come nei vecchi giochi al pc. Lanciare la palla ad un Pokémon porta in primo piano i ricordi emozionanti del proprio passato ed essi hanno un’influenza positiva sul nostro benessere.
Inoltre, secondo alcuni, giocando a Pokémon Go si può soddisfare una fantasia eterna: passeggiando per le vie e combattendo i mostri che compaiono improvvisamente dal nulla, nella nostra immaginazione assumiamo il controllo dell’ ambiente. Tale gioco aumenta i livelli di adrenalina e risveglia forti sensazioni di potere, ma anche frustrazione, gratificazione e piacere.

Recentemente negli Stati Uniti è stato pure fondato il movimento delle Pokémoms (Pokémamme) con l’ obiettivo di condividere difficoltà e dubbi tra genitori che vedono i propri figli rapiti da questo gioco. Gli adulti si preoccupano non tanto de gioco in sè, quanto del fatto che spesso i ragazzi sono così distratti che possono causare o esser causa d’ incidenti, cosa che è infatti successa. C’è poi tutto un businnes che ha sfruttato il successo del gioco. Per esempio, ogni giorno al supermercato Carrefour, vengono messe a disposizione delle esche per attirare più Pokemon e quindi i clienti che li vogliono catturare. Non basta, Pikachu è diventato anche un hambuerger e a Sydney ha sbancato nel fast food Down N’ Out Burger.

Tornando alle gratificazioni che si ottiengono con Pokémon Go c’è il fatto che i giocatori devono star fuori casa e possono spesso interagire socialmente con gli altri giocatori. Molti studi hanno dimostrato in miglioramento dell’ umore con l’ attività fisica e i legami sociali sono altrettanto importanti per la salute mentale. Alcune ricerche suggeriscono che anche una superficiale conversazione con gli sconosciuti aumenti il benessere.

Tuttavia, David Sack recentemente ha messo in guardia circa la linea sottile tra un comportamento piacevole e la dipendenza, cercando di approfondire se Pokémon Go faccia salire i tassi di dipendenza da Internet o del gioco patologico. Ha citato una parte sul DSM-5 in cui si parla dei giocatori patologici:
“Quando questi individui sono intenti a giocare su Internet, alcune aree del cervello si attivano nello stesso modo e con la stessa intensità del cervello di un tossicodipendente affetto da una particolare sostanza. Il gioco richiede una risposta neurologica che influenza sensazioni di piacere e ricompensa, e il risultato, in casi estremi, si manifesta come comportamento di dipendenza”. Tale gioco compulsivo spinge a mettere da parte altri interessi e responsabilità “, ha aggiunto Sacco. “Anche se questa ricerca si è focalizzata su giocatori on-line tradizionali, non è detto che non si debba aspettarsi lo stesso ai giocatori di Pokémon Go.”

In realtà ci può essere una linea sottile tra divertirsi con un gioco e diventare dipendente da esso. Il problema è che quando questa linea inizia a creare cambiamenti nel nostro cervello, genera nuove connessioni prima che noi ce ne rendiamo conto.

Fonte: Liza Margarit da Psychology Today