Icona Blog
Il blog di iWatson

PHUBBING

PHUBBING:COME L’OSSESSIONE PER IL CELLULARE PUO’ COMPROMETTERE LA VOSTRA RELAZIONE DI COPPIA I cellulari ormai onnipresenti, se da una parte sono diventati un ottimo modo per tenersi in contatto con gli altri, dall’altra sono diventati causa di tensione nei nostri rapporti. Una lamentela comune tra coloro che hanno una relazione è che sono ignorati dal

Contenuti di questo post:

    PHUBBING:COME L’OSSESSIONE PER IL CELLULARE PUO’ COMPROMETTERE LA VOSTRA RELAZIONE DI COPPIA

    I cellulari ormai onnipresenti, se da una parte sono diventati un ottimo modo per tenersi in contatto con gli altri, dall’altra sono diventati causa di tensione nei nostri rapporti. Una lamentela comune tra coloro che hanno una relazione è che sono ignorati dal partner che sembra non staccare gli occhi dal suo cellulare.

    Spesso scuotiamo la testa in segno di disapprovazione quando siamo a mangiare fuori in un ristorante, e si vede una coppia al tavolo accanto più interessati a loro cellulari che a conversare tra di loro.
    Negli ultimi anni, il termine “phubbing” è stato utilizzato per descrivere l’atto di interrompere o ignorare una conversazione con una persona, per poter utilizzare il cellulare o per rispondere ad un messaggio, ad una chiamata o vedere una notifica di un social.

    Diversi studi hanno dimostrato che il phubbing è un comportamento abbastanza comune tra le coppie.
    E ci sono buone ragioni per credere che le interruzioni causate dall’uso del cellulare porti la coppia a sentirsi “scollegati” e meno presenti l’uno con l’altro.
    Di recente, James Roberts e Meredith David presso la Baylor University hanno progettato una scala per misurare quanto spesso i partner romantici sono persone “phub”, coniando il termine “phubbing Partner”.

    La scala chiede alle persone di votare quanto sono d’accordo con nove dichiarazioni, comprese “Il mio compagno tiene il suo cellulare in mano quando lui o lei è con me” e “Il mio partner dà un’occhiata al suo cellulare quando parla con me.”

    In uno studio, 308 adulti hanno completato un sondaggio online che contiene la scala Pphubbing, nonché misure di conflitto e soddisfazione nel rapporto connessi all’uso del cellulare. In un secondo studio, i ricercatori hanno aggiunto una misura di attaccamento ansioso.

    Ci sono due elementi che stanno alla base dell’attaccamento romantico: ansia da Abbandono (timori che il vostro partner non vi ama e vi lascerà) e di evitare l’intimità (evitando la vicinanza con gli altri).

    Questi rappresentano due diversi elementi di attaccamento insicuro che possono o non possono coesistere nella stessa persona. Entrambi questi fattori sono stati misurati dai ricercatori, ma l’ansia di abbandono è stato il tratto che secondo i ricercatori svolge un ruolo determinante nelle “relazioni Pphubbing”.

    In entrambi gli studi, alti livelli di Pphubbing sono stati associati con relazioni meno soddisfacenti e più conflitti con i partner. Inoltre, il rapporto tra soddisfazione e Phubbing è stato parzialmente spiegato da alti livelli di conflitto.

    Quindi, questo suggerisce che il Phubbing possa portare a relazioni meno soddisfacenti, in parte, perché crea un conflitto.

    Nel secondo studio, è stato anche accertato che questo effetto era ancora più grande per quelli ad alto contenuto d’ ansia di abbandono. Così il Phubbing può essere particolarmente problematico per coloro che sono già insicuri circa i loro rapporti prima di cominciare.

    Altre ricerche hanno scoperto che basta avere un telefono cellulare in camera (non in uso) nel corso di una conversazione a rendere meno intima la stessa, soprattutto se l’argomento della conversazione è stato qualcosa di significativo, piuttosto che casuale.

    Naturalmente, cosa sia la causa o l’effetto non può essere determinato con certezza. E’ il Phubbing a portare a cali di soddisfazione relazionale, o già partner infelici ignorano l’un l’altro, scegliendo di comunicare con il loro cellulari? Entrambe le spiegazioni sono plausibili.

    Ci sono diversi motivi per cui le coppie insoddisfatte scelgono di comunicare con i propri cellulare piuttosto che con i loro partner.

    Forse perché questi ultimi sono più noiosi e stressanti dei cellulari, che invece ci divertono e ci rilassano?

    O forse andando più in profondità, se stiamo interagendo con un partner che non soddisfa i nostri bisogni emotivi, possiamo cercare di avere quelle esigenze soddisfatte altrove, interagendo con il cellulare?
    E’ probabile dunque, che il Pphubbing possa essere sia una causa sia una conseguenza di rapporti insoddisfacenti.

    Una cosa però possiamo fare. Quando la prossima volta siete in compagnia del vostro partner e la vostra attenzione viene catturata dal vostro cellulare, chiedetevi perché. Siete annoiati o arrabbiati con il vostro partner? Se è così, dovresti capire perché ti senti in questo modo, e lavorare per migliorare il rapporto e la comunicazione con il partner, o considerare di porvi fine se le cose vanno irrimediabilmente male. Oppure semplicemente non lasciatevi distrarre da un segnale acustico o qualche lucina lampeggiante, e lasciate il cellulare lontano dalla vostra vista e rivolgete lo sguardo e soprattutto l’attenzione al vostro partner che probabilmente ha bisogno della vostra attenzione più di quel messaggio sul telefono.

    FONTE: https://www.psychologytoday.com/blog

    Contattaci per maggiori Info

      Hai bisogno di informazioni?
      Compila il form e ti ricontatteremo.

       

    • Condividi
    • Articoli correlati
      narcisista
      23 Marzo 2022 | Psicologia
      Di Cristina Monti

      A tutti può capitare di relazionarsi con un narcisista. E spesso, anche se loro ne sono inconsapevoli, noi li riconosciamo. Si tratta dei narcisisti “OVERT”, abbastanza facili da individuare. Sono in grado di assorbire tutta l’attenzione, positiva e negativa. Amano essere al centro della scena, hanno bisogno di costante ammirazione, bramano affetto anche da fonti

      07 Gennaio 2022 | Psicologia
      Di Rosanna Tremamondo

      Che tipo di psicoterapeuta sei? Uno degli aspetti più rilevanti e significativi del percorso di formazione che state affrontando è la scelta dell’orientamento teorico più adatto a voi. Lungo la strada vi verranno presentate diverse prospettive o scuole di pensiero della psicologia. Queste offrono una rappresentazione di come diversi psicologi nel tempo hanno tentato di

      03 Gennaio 2022 | Psicologia
      Di Rosanna Tremamondo

      Lanciato per la prima volta nel 2004, Facebook ha rivoluzionato il nostro modo di comunicare, socializzare, connettersi con le persone, condividere pensieri e attimi della propria vita. E’ diventato di uso così comune che sono in pochi a non avere un proprio profilo su questo social network. I recenti dati  sostengono che in Italia sono

      Seguici sui social


      © Copyright 2022 Istituto Watson P.IVA: 02407780010 – Tutti i diritti su materiali e contenuti pubblicati sono protetti – Privacy PolicyCookie Policy