Icona Blog
Il blog di iWatson

Parlare in pubblico: che panico!

Parlare di fronte ad un pubblico, per molte persone può essere eccitante, galvanizzante e per questo forniscono prestazioni ottimali. Altri, invece, si bloccano. Pensano alla situazione con largo anticipo e in modo negativo, si preoccupano e temono di agire in modi che possano causare imbarazzo o umiliazione, possono anche avvertire: tachicardia nausea vomito insonnia inappetenza

Contenuti di questo post:


    Parlare di fronte ad un pubblico, per molte persone può essere eccitante, galvanizzante e per questo forniscono prestazioni ottimali. Altri, invece, si bloccano. Pensano alla situazione con largo anticipo e in modo negativo, si preoccupano e temono di agire in modi che possano causare imbarazzo o umiliazione, possono anche avvertire:

    • tachicardia
    • nausea
    • vomito
    • insonnia
    • inappetenza
    • tensione muscolare
    • difficoltà a parlare
    • sudorazione
    • vuoti di memoria

    Il risultato è quindi quello di un vero e proprio attacco di panico  e di una “performance” particolarmente negativa che, difficilmente si riuscirà a dimenticare!

    Cos’è la paura di parlare in pubblico?

    La paura di Parlare in pubblico è una delle più comuni in tutto il mondo. Milioni e milioni di persone hanno questa difficoltà, sia che si tratti di una presentazione di lavoro sia che si tratti di un gruppo di amici.

    La paura di parlare in pubblico rientra nella più generale categoria della fobia sociale.

    Parliamo in questo caso del timore di alcune situazioni sociali, soprattutto se poco familiari o se implicano l’essere esposti al giudizio degli altri. Momenti che, possono incutere un tale timore da essere ansiosi al solo pensarci e che, a lungo andare possono condurre al completo evitamento.

    Le persone affette da fobia sociale hanno paura di essere osservate, giudicate, di provare imbarazzo davanti ad altri o di non essere all’altezza.

    Fin da bambini la vita ci espone a giudizi e valutazioni, basti pensare alle interrogazioni a scuola, alle verifiche o agli esami all’università. Tutte circostanze che possono creare un alto livello di ansia, di disagio e, talvolta, farne un’esperienza traumatica (come subire un’umiliazione) può spingerci ad evitare queste situazioni.
    Le differenze di comportamento in questi contesti sociali sono facilmente individuabili.

    Che cosa fare?

    Di tutti i trattamenti disponibili, la terapia cognitivo comportamentale (TCC) ha dimostrato di essere quella maggiormente efficace per l’ansia sociale ed anche per superare la paura di parlare in pubblico.

    Alla base della terapia cognitivo comportamentale è vi è la teoria secondo la quale, il nostro modo di pensare influenza le nostre emozioni e queste a loro volta, influenzano il nostro comportamento. Quindi se cambiamo i pensieri relativi alle situazioni sociali che ci causano ansia, emozioni e azioni funzioneranno meglio.

    Tipicamente la TCC implica:

    • Imparare come controllare i sintomi fisici dell’ansia attraverso il training al rilassamento e gli esercizi di respirazione addominale.
    • Riconoscere i pensieri negativi e disfunzionali che scatenano e alimentano l’ansia sociale sostituendoli con punti di vista più equilibrati.
    • Affrontare le situazioni sociali temute in modo graduale e sistematico, invece di evitarle.

    Se anche tu hai paura di parlare in pubblico, CHIAMACI!

     

      Hai bisogno di informazioni?
      Compila il form e ti ricontatteremo.

    • Condividi
    • Articoli correlati
      ansia
      05 Novembre 2021 | Ansia
      Di Enrico Rolla

      Talvolta le persone pensano che gli attacchi d’ansia e gli attacchi di panico siano la stessa cosa. Tuttavia, da una prospettiva clinica, il panico e l’ansia hanno caratteristiche diverse e sintomi specifici. Per questo motivo è bene distinguerli e conoscere in che modo vengono sperimentati dalle persone. Gli “Attacchi d’Ansia”Improvvisi “L’attacco di ansia” non è

      farmaci ansia
      05 Novembre 2021 | Ansia
      Di Enrico Rolla

      Sotto la guida di un professionista della salute mentale, i farmaci possono alleviare alcuni sintomi dell’ansia, ma è necessario ricorrere a trattamenti non farmacologici per ottenere cambiamenti a lungo termine. I farmaci non curano il problema e non sono solitamente una soluzione a lungo termine. I farmaci ansiolitici provocano inoltre una serie di effetti collaterali

      cibi ansia
      06 Maggio 2021 | Ansia
      Di Sonya Sabbatino

      Esistono cibi che possiamo considerare ansiolitici? Abbiamo già trattato dei cibi antidepressivi. Come può aiutarci la natura in caso di ansia? Secondo il National Institute of Mental Health, i problemi legati all’ansia sono tra i più diffusi negli Stati Uniti. In Italia, lo studio epidemiologico ESEMED-WMH dimostra che circa 8 milioni di persone soffrono o hanno

      Seguici sui social


      © Copyright 2022 Istituto Watson P.IVA: 02407780010 – Tutti i diritti su materiali e contenuti pubblicati sono protetti – Privacy PolicyCookie Policy