Icona Blog
Il blog di iWatson

MINDFULNESS E SUCCESSO A LAVORO: COMPATIBILI?

Gli studi suggeriscono che la mindfulness può indebolire l’ego e il comportamento egoista. Vuol dire che dire migliorare la consapevolezza significa diventare meno ambiziosi ? La mindfulness aiuta a rimanere nel “qui e ora”; significa essere meno orientati agli obiettivi futuri? La meditazione ha dimostrato ridurre l’aggressività . Ma non abbiamo bisogno di un certo

Contenuti di questo post:

    Gli studi suggeriscono che la mindfulness può indebolire l’ego e il comportamento egoista. Vuol dire che dire migliorare la consapevolezza significa diventare meno ambiziosi ?

    La mindfulness aiuta a rimanere nel “qui e ora”; significa essere meno orientati agli obiettivi futuri? La meditazione ha dimostrato ridurre l’aggressività . Ma non abbiamo bisogno di un certo livello di aggressività per andare avanti ed essere più competitivi?

    La ricerca condotta dall’Università di Toronto e guidata da Rimma Teper e Michael Inzlicht illustra infatti come la Mindfulness aiuti a focalizzare l’attenzione sulla la realtà attuale, evitando di compromettere la lucidità la capacità decisionale, così come le distorsioni del proprio modo di pensare e agire.

    Un’altra recente ricerca suggerisce che la consapevolezza potrebbe effettivamente aiutare a fare carriera ,  aiutando a regolare le emozioni , migliorare il processo decisionale , e ridurre lo stress e la stanchezza.

    Un nuovo studio condotto da Sukumarakurup Krishnakumar e Michael D. Robinson ha esaminato se la consapevolezza sul luogo di lavoro fosse in  grado di contrastare le tendenze machiavelliche, che sono caratterizzate da ostilità, cinismo sulle motivazioni degli altri , e comportamenti di lavoro controproducenti come competitività e azioni egoistiche.

    La prima parte dello studio ha valutato tre fattori in 81 studenti universitari,  i quali lavoravano almeno part-time . La prima , la consapevolezza disposizionale , cerca di misurare il livello di consapevolezza che si trova naturalmente in varia misura negli individui . Ad esempio, le persone che sono meno predisposte  alla  consapevolezza potrebbero ritrovarsi a fare i lavori o compiti automaticamente, senza rendersene conto. I ricercatori hanno anche misurato i sentimenti ostili e le tendenze machiavelliche .

    I loro risultati hanno mostrato che i sentimenti ostili effettivamente incrementano le tendenze machiavelliche . Inoltre , lo studio ha rilevato che i partecipanti più predisposti alla consapevolezza avevano meno tendenze machiavelliche . Ciò porta alla conclusione che le persone consapevoli si sentono meno ostili , che a sua volta è predittivo di tendenze meno machiavelliche .

    Nella seconda parte del loro studio hanno cercato di applicare  questa intuizione sul posto di lavoro . Questa volta hanno valutato  la consapevolezza e il machiavellismo in 91 studenti universitari di psicologia , ognuno dei quali ha lavorato , almeno part-time e aveva un certo livello di autonomia di lavoro . La valutazione misurava comportamenti legati all’aggressività, problemi di produzione , sabotaggio,  furto , e il ritiro.

    Come in precedenza, i risultati hanno indicato che i partecipanti più consapevoli sono stati quelli che hanno manifestato meno sentimenti ostili sul posto di lavoro.  In breve, la consapevolezza può agire come un fattore protettivo contro l’ostilità,  e quindi, machiavellismo nei luoghi di lavoro.

    Nel complesso, Krishnakumar e Robinson suggeriscono che 1) le persone con un certo livello di consapevolezza si sentivano meno ostili sia in generale che sul posto di lavoro, e 2) il livello di ostilità  riduce le tendenze  machiavelliche. I dipendenti ostili sono meno in grado di concentrarsi sul loro lavoro dei dipendenti più consapevoli, perché sono distratti e inconsciamente spinti da questi sentimenti ostili. La Mindfulness riduce l’ostilità ,e a sua volta le prestazioni del compito aumento, e anche  la produttività.

    Queste intuizioni rivelano molto sulle dinamiche inconsce al lavoro.

    Fonte:
    http://greatergood.berkeley.edu/

    http://www.manageronline.it/

     

  1. Condividi
  2. Articoli correlati
    narcisista
    23 Marzo 2022 | Psicologia
    Di Cristina Monti

    A tutti può capitare di relazionarsi con un narcisista. E spesso, anche se loro ne sono inconsapevoli, noi li riconosciamo. Si tratta dei narcisisti “OVERT”, abbastanza facili da individuare. Sono in grado di assorbire tutta l’attenzione, positiva e negativa. Amano essere al centro della scena, hanno bisogno di costante ammirazione, bramano affetto anche da fonti

    07 Gennaio 2022 | Psicologia
    Di Rosanna Tremamondo

    Che tipo di psicoterapeuta sei? Uno degli aspetti più rilevanti e significativi del percorso di formazione che state affrontando è la scelta dell’orientamento teorico più adatto a voi. Lungo la strada vi verranno presentate diverse prospettive o scuole di pensiero della psicologia. Queste offrono una rappresentazione di come diversi psicologi nel tempo hanno tentato di

    03 Gennaio 2022 | Psicologia
    Di Rosanna Tremamondo

    Lanciato per la prima volta nel 2004, Facebook ha rivoluzionato il nostro modo di comunicare, socializzare, connettersi con le persone, condividere pensieri e attimi della propria vita. E’ diventato di uso così comune che sono in pochi a non avere un proprio profilo su questo social network. I recenti dati  sostengono che in Italia sono

    Seguici sui social


    © Copyright 2022 Istituto Watson P.IVA: 02407780010 – Tutti i diritti su materiali e contenuti pubblicati sono protetti – Privacy PolicyCookie Policy