Icona Blog
Il blog di iWatson

Mollo l’osso. Come liberarci dai guinzagli interiori

Perché una storia di cani? Perché da sempre in letteratura sono stati utilizzati gli animali per rappresentare i comportamenti umani e perché sono uno stimolo a lavorare su noi stessi e a migliorarci. Questo libro, scritto in modo piano, piacevole e divertente, può sembrare una favola, in cui Barry, un grande e saggio San Bernardo,

Contenuti di questo post:

    Perché una storia di cani? Perché da sempre in letteratura sono stati utilizzati gli animali per rappresentare i comportamenti umani e perché sono uno stimolo a lavorare su noi stessi e a migliorarci. Questo libro, scritto in modo piano, piacevole e divertente, può sembrare una favola, in cui Barry, un grande e saggio San Bernardo, raccoglie intorno a se quattro cani: Ula, un pastore tedesco irascibile che non riesce a controllare la propria impulsività; Tom, un bassotto arrogante e presuntuoso che non ascolta mai nessuno; Poldo, uno spinone che subisce gli altri e non si sente all’altezza delle situazioni; Gino, un mastino che ha sempre paura di sbagliare e si crea mille problemi. Non sembrano familiari queste caratteristiche? Sono la riproduzione dei nostri atteggiamenti abituali e Barry, oltre ad aiutare i suoi quattro compagni di viaggio, aiuterà anche noi a superare i tanti ostacoli creati dai nostri comportamenti problematici, insegnandoci a migliorare le relazioni con gli altri e a liberarci dai nostri “guinzagli interiori”.

    LEGGI LE RECENSIONI DI MOLLO L’OSSO

  1. Condividi
  2. Articoli correlati
    17 Febbraio 2022 | Assertività
    Di Enrico Rolla

    Tutto ciò che diciamo a noi stessi guida la nostra vita: può orientarci in una direzione o in un’altra, può favorire od ostacolare i nostri progetti, rivolgersi contro di noi e generare frustrazione o rabbia. I pensieri possono essere nostri nemici o amici. Spetta a noi saperli indirizzare verso la positività. Il nostro obiettivo è

    22 Novembre 2021 | Assertività
    Di Sonya Sabbatino

    Dal momento che gli esseri umani sono programmati per rispondere con più forza alle cose cattive che buone, non sorprende che la nostra capacità di “connettersi” viene spesso messa alla prova quando un intimo o un caro amico, un collega o un conoscente, o anche un perfetto sconosciuto ci confida che sta soffrendo sulla scia

    Seguici sui social


    © Copyright 2022 Istituto Watson P.IVA: 02407780010 – Tutti i diritti su materiali e contenuti pubblicati sono protetti – Privacy PolicyCookie Policy