Icona Blog
Il blog di iWatson

LE EMOZIONI POSITIVE AIUTANO A SOCIALIZZARE

L’espressione e la comunicazione di emozioni positive predice la successiva vicinanza relazionale tra due soggetti che non si conoscono ancora Ciò accade per le emozioni positive, ma non per quelle negative. A quanto pare: se volete farvi una nuova amicizia, semplicemente dovete sorridere. Questo mite e banale consiglio naif trova riscontro in un recente studio,

Contenuti di questo post:

    L’espressione e la comunicazione di emozioni positive predice la successiva vicinanza relazionale tra due soggetti che non si conoscono ancora

    Ciò accade per le emozioni positive, ma non per quelle negative. A quanto pare: se volete farvi una nuova amicizia, semplicemente dovete sorridere. Questo mite e banale consiglio naif trova riscontro in un recente studio, pubblicato sulla rivista Motivation and Emotion, in cui si sottolinea che le persone avrebbero una maggiore inclinazione verso le emozioni positive (rispetto a quelle negative) nel momento della formazione di nuovi legami.

    D’altro canto in psicologia è risaputo che le emozioni svolgono anche la funzione di creare, mantenere o modificare le relazioni. I ricercatori hanno condotto due studi per verificare il ruolo delle emozioni positive nelle relazioni interpersonali. Oltre a un esperimento che ha esaminato la consapevolezza delle emozioni positive nel partner di coppia, è interessante lo studio in cui si è verificato il ruolo delle emozioni positive nella formazione di un nuovo legame con uno sconosciuto. 91 donne sono state assegnate a diverse condizioni sperimentali: guardare filmati elicitanti emozioni positive vs. negative e in compagnia di un amico vs. di uno sconosciuto. I risultati indicano che le persone tendono a percepirsi relazionalmente più vicine al loro partner “sconosciuto” nel momento in cui quest’ultimo esprime emozioni positive.

    Quindi, l’espressione e la comunicazione di emozioni positive, ma non di quelle negative, predice in modo statisticamente significativo la successiva vicinanza relazionale tra due soggetti che non si conoscono ancora. Inoltre, la ricerca riporta che in tali situazioni di nuove conoscenze le persone generalmente esprimono le emozioni positive attraverso il cosiddetto sorriso Duchenne: una particolare configurazione dell’espressione facciale che coinvolge non solo il movimento dei muscoli della bocca ma di quelli oculari e che viene anche definita sorriso sincero. Allo stesso tempo gli esseri umani sarebbero ben allenati a riconoscere velocemente il sorriso sincero dal sorriso finto (sorriso non- Duchenne) nell’interazione con i propri consimili.

    BIBLIOGRAFIA: 

    Belinda Campos, Dominik Schoebi, Gian C. Gonzaga, Shelly L. Gable, Dacher Keltner. Attuned to the positive? Awareness and responsiveness to others’ positive emotion experience and display. Motivation and Emotion, 2015; DOI: 10.1007/s11031-015-9494-x Per saperne di più: https://www.stateofmind.it/2015/06/condividere-emozioni-positive-amicizia-psicologia/

    Fonte: States of mind

    • Condividi
    • Facebook Logo
    • Twitter Logo
    • Linkedin Logo
    Articoli correlati
    mindfulenss sport
    21 Marzo 2024 | Psicologia
    Di Rosanna Tremamondo

    Il modello Mindfulness-Acceptance-Commitment (MAC) è un approccio mirato al miglioramento della prestazione conseguibile attraverso lo sviluppo delle capacità di gestire la situazione per mezzo di un’attenzione orientata al compito (Gardner e Moore, 2007). Mindfulness e Psicologia Sport La psicologia dello sport include al suo interno un massiccio utilizzo di programmi di mental training. Tuttavia, nonostante

    teoria complottista
    10 Gennaio 2024 | Psicologia
    Di Sonya Sabbatino

    Complottista Definizione La definizione di “complottista” fa riferimento a una persona che sostiene o promuove teorie del complotto. Un teorico del complotto è qualcuno che crede che eventi importanti o fenomeni complessi siano il risultato di una cospirazione segreta o di attività nascoste da parte di individui, gruppi o organizzazioni che agiscono dietro le quinte

    capogiro
    06 Novembre 2023 | Psicologia
    Di Cristina Monti

    Il capogiro è la principale motivazione che spinge le persone ultra sessantacinquenni ad andare dal medico. Una delle difficoltà nella gestione di questi pazienti, è che il termine “capogiro” viene usato per descrivere una varietà di sensazioni, dalla vertigine, alla mancanza di equilibrio, alla sensazione di testa leggera.   La gestione di pazienti con disturbi vestibolari è

    Seguici sui social

    <!–© Copyright 2024 Istituto Watson P.IVA: 02407780010 – Tutti i diritti su materiali e contenuti pubblicati sono protetti – Privacy Policy – Sitemap–>
    © Copyright 2024 Istituto Watson Corso Vinzaglio 12/BIS Torino P.IVA: 02407780010 – Tutti i diritti su materiali e contenuti pubblicati sono protetti
    Privacy PolicyCookie PolicyTermini e Condizioni di Vendita