Icona Blog
Il blog di iWatson

INSONNIA, L’ EFFICACIA DELLA TCC

L’insonnia è un disturbo che incide sempre di più sulla popolazione. In particolare in Italia, ne soffre circa il 20% (dall’operaio al medico, dal manager allo studente). Efficacia Terapia Cognitivo Comportamentale La terapia cognitivo comportamentale propone un programma strutturato che aiuta le persone ad identificare e sostituire i pensieri e i comportamenti che causano o peggiorano i problemi del sonno

Contenuti di questo post:

    L’insonnia è un disturbo che incide sempre di più sulla popolazione. In particolare in Italia, ne soffre circa il 20% (dall’operaio al medico, dal manager allo studente).

    Efficacia Terapia Cognitivo Comportamentale

    La terapia cognitivo comportamentale propone un programma strutturato che aiuta le persone ad identificare e sostituire i pensieri e i comportamenti che causano o peggiorano i problemi del sonno per mezzo dell’acquisizione di abitudini che promuovano una buona qualità dello stesso.

    La TCC per l’insonnia insegna a riconoscere e  a cambiare le credenze che influiscono sul sonno, contribuisce a sviluppare buone abitudini e ad evitare comportamenti che impediscono una buona qualità del sonno.

    Ad esempio, aiutando la persona a rendersi conto che dorme molto di più di quanto pensa (a causa di una sbagliata gestione delle fasi di sonno-veglia) e a comprendere che, in realtà, potrebbe essere sufficiente dormire meno di quanto si pensi.
    Riduce l’ansia  generata dal pensare “non sto dormendo a sufficienza” e paradossalmente permette ai pazienti di acquisire le tecniche necessarie per rilassarsi e dormire meglio.
    Ad esempio, la quantità minima di sonno necessaria per mantenere una certa prontezza nella maggior parte delle persone è 5 ore e mezza. Questo intervallo è noto come “sleep core” ed è inferiore al tempo che molte persone credono sia fondamentale per sentirsi riposati e “nel pieno delle forze”, ma è considerato sufficiente per il normale funzionamento. Le tecniche cognitive aiutano le persone a identificare, sfidare e sostituire i pensieri negativi e imprecisi relativi al sonno, con pensieri accurati e positivi.

    Tecniche per Riuscire a Dormire

    Alcuni pensieri negativi sul sonno possono però, presentarsi comunque durante la notte (“non sarò in grado di fare nulla domani se non vado a dormire presto”), così come durante il giorno (“ho dormito malissimo la notte scorsa, avrò sicuramente una giornata terribile al lavoro oggi “).
    I pensieri positivi sul sonno possono essere utilizzati per contrastare quelli negativi con informazioni più precise (“Io non sto dormendo bene stasera, ma ho avuto molte altre notti come questa e sono stato ugualmente in grado di lavorare bene l’indomani”). Le tecniche cognitive aiutano a ridurre lo stress e consentono un sonno migliore.

    Diario e Restrizione del Sonno

    Molte sono anche le tecniche comportamentali utilizzate nella terapia dell’insonnia, come il diario e la restrizione del sonno.
    Il primo viene utilizzato per registrare l’ora in cui si va a letto, l’ora in cui ci si sveglia, il tempo passato a letto in stato di veglia, il tempo totale di sonno ed altri particolari legati alle abitudini del sonno.
    Mentre la seconda, ha lo scopo di limitare il tempo trascorso a letto in stato di veglia, riducendolo esclusivamente a quello che viene trascorso dormendo effettivamente.

    Sonnellini Pomeridiani

    Altre tecniche prevedono di evitare i “sonnellini” pomeridiani (che diminuiscono il sonno durante la notte), il controllo degli stimoli, l’igiene del sonno e il training di rilassamento. Ad esempio, il controllo degli stimoli si basa sui principi del condizionamento classico, per cui stare svegli nel letto per lunghi periodi tempo implica un apprendimento per associazione,  secondo il quale ogni qual volta che si andrà a letto si attiverà in risposta uno stato di veglia e allerta.
    Per estinguere questa risposta si consiglia di evitare qualunque attività di veglia mentre si è a letto, e se non ci si addormenta entro 15 minuti di alzarsi e cambiare stanza finché non si avverte nuovamente sonnolenza. A quel punto sarà possibile tornare a letto. Se è necessario è possibile ripetere questo processo. Nel tempo il condizionamento precedentemente sviluppato verrà eliminato.

    L’igiene del sonno implica invece, l’uso di linee guida per creare condizioni migliori per il sonno.
    Un esempio potrebbe essere evitare la caffeina nel corso della giornata. Mentre, con il training di rilassamento si cerca di calmare la mente e il corpo, attraverso tecniche come il rilassamento muscolare progressivo, la meditazione, la visualizzazione.

    La TCC è stata testata in numerosi studi che hanno riscontrato la sua efficacia nel trattamento dell’insonnia. Inoltre, è stato dimostrato che il trattamento cognitivo comportamentale per l’insonnia, ha effetti positivi e a lungo termine, che perdurano anche dopo la conclusione del percorso terapeutico. Questo perché i pazienti, attraverso la terapia, apprendono tecniche e abilità che possono continuare ad utilizzare nel tempo, e quindi arrivare a padroneggiarle sempre meglio. Con l’uso costante di questi metodi, è possibile arginare l’insonnia. Non ci sono pillole, nessuna dipendenza, nessun effetto collaterale: semplicemente meraviglioso e rinfrescante sonno!

    La TCC funziona poichè la causa primaria dell’insonnia è la sovra-eccitazione o l’eccessiva attivazione del “sistema di veglia” nel cervello. Riducendo l’eccitazione associata ai fattori di stress che provocano e mantengono l’insonnia,  può essere ripristinato un sonno regolare.

    Libro Insonnia

    Il libro “Insonnia. Il metodo semplice per (ri)addormentarsi in 7 minuti” attinge dalla grande esperienza dell’autore e si basa sulla Terapia cognitivo comportamentale, offre la chiave per tornare a dormire finalmente sonni sereni. Esercizi – Test – Casi di studio – Consigli e informazioni utili

     

    SCARICA IL PRIMO CAPITOLO

      

     

    FONTE:

    psychologytoday.com

    libro insonnia

  1. Condividi
  2. Articoli correlati
    ipnosi
    31 Ottobre 2022 | Insonnia Ipnosi
    Di Enrico Rolla

    Il sonno è l’ipnotico più ecologico ed economico del mondo. Non serve andare in farmacia per procurarselo, ma è già “disponibile” nel nostro corpo da quando nasciamo. Non ha rischi né effetti collaterali, non dobbiamo fare apparentemente nulla a eccezione che chiudere gli occhi quando è notte, per liberarci dalla stanchezza e recuperare le energie.

    melatonina
    28 Ottobre 2022 | Insonnia
    Di Cristina Monti

    La melatonina è un ormone naturalmente prodotto dal nostro cervello, che la rilascia in risposta ai cambiamenti della luce, regolando il nostro orologio biologico interno e segnalandoci quando è ora di andare a dormire.   Cosa è la melatonina? I cicli circadiani di sonno-veglia dell’organismo sono regolati dalla melatonina, un ormone prodotto dall’epifisi, una ghiandola

    valeriana insonnia
    21 Luglio 2022 | Insonnia
    Di Sonya Sabbatino

    L’insonnia è un disturbo del sonno estremamente diffuso a livello mondiale. Gli esperti della salute sottolineano come una quantità/qualità di sonno insufficiente, possa contribuire allo sviluppo o all’esacerbazione di problematiche legate alla salute psicofisica individuale. Per questo motivo è consigliabile un intervento che promuova o ristabilisca un buon ciclo sonno/veglia. Molte persone ricorrono a rimedi

    Seguici sui social


    © Copyright 2023 Istituto Watson Corso Vinzaglio 12/BIS Torino P.IVA: 02407780010 – Tutti i diritti su materiali e contenuti pubblicati sono protetti
    Privacy PolicyCookie PolicyTermini e Condizioni di Vendita