Icona Blog
Il blog di iWatson

Il disturbo di personalità evitante

Il  disturbo di personalità evitante è caratterizzato da  una pervasiva inibizione sociale, sentimenti di inadeguatezza, e ipersensibilità alle valutazioni negative. Le persone con questo disturbo hanno un intensa paura di essere messe in ridicolo, sentirsi rifiutate o criticate dagli altri. Questo le porta a evitare  situazioni sociali e interazioni, limitando ulteriormente la loro capacità di sviluppare

Contenuti di questo post:

    Il  disturbo di personalità evitante è caratterizzato da  una pervasiva inibizione sociale, sentimenti di inadeguatezza, e ipersensibilità alle valutazioni negative. Le persone con questo disturbo hanno un intensa paura di essere messe in ridicolo, sentirsi rifiutate o criticate dagli altri.

    Questo le porta a evitare  situazioni sociali e interazioni, limitando ulteriormente la loro capacità di sviluppare abilità sociali. Le persone con disturbo evitante di personalità spesso hanno un mondo sociale molto ristretto che può talvolta includere una piccola cerchia di confidenti.Il loro modo di pensare e di interpretare il mondo gira intorno all’idea di non essere sufficientemente adeguate, e di non piacere agli altri.

    Credono di essere poco attraenti e socialmente inette. Questi pensieri creano sentimenti di intensa ansia in situazioni sociali, insieme con la paura di essere derise, criticate e respinte. L’intensità di questa ansia, e il disagio che crea, le costringe a evitare situazioni interpersonali come feste o eventi sociali. Possono inoltre avere difficoltà a fare presentazioni di lavoro o a parlare durante delle riunioni. Le persone che entrano in contatto con loro potrebbero percepirle come distanti o timide, rigide e limitate. Tutto questo probabilmente interferisce con la loro capacità di fare amicizia, o di farsi strada nel modo professionale.

    Trattamento TCC

    La terapia cognitivo comportamentale (TCC) si basa sull’idea che il modo in cui percepiamo o interpretiamo le situazioni determina il modo in cui reagiamo alle stesse. Allo stesso modo, le nostre azioni influiscono sui pensieri e le emozioni – ovvero sulla propria esperienza interna.  

    Lo psicoterapeuta cognitivo comportamentale aiuta il paziente a modificare le modalità di pensiero disfunzionali e i comportamenti associati.Le ricerche hanno dimostrato l’efficacia della Terapia Dialettico Comportamentale (DBT) nel trattamento dei disturbi di personalità, in particolare del disturbo di personalità borderline.Un altro protocollo di trattamento largamente utilizzato nel trattamento cognitivo comportamentale dei disturbi di personalità è la Schema Therapy ideata dal dottor Jeffrey Young.

    • Condividi
    • Facebook Logo
    • Twitter Logo
    • Linkedin Logo
    Articoli correlati
    tic nervosi
    25 Ottobre 2023 | DOC Stress
    Di Enrico Rolla

    Strizzare ripetutamente gli occhi, arricciare il naso, piegare la testa di lato, sollevare le spalle, emettere con la bocca suoni o rumori che a volte creano molto imbarazzo. Sono solo alcuni esempi del disturbo da tic, caratterizzato dalla presenza persistente di ticmotori o vocali, cioè movimenti o suoni improvvisi, ripetitivi e involontari. Esempi di Tic Nervosi I tic nervosi,

    Dermatillomania
    22 Febbraio 2023 | DOC
    Di Sonya Sabbatino

    Il disturbo da escoriazione (stuzzicamento della pelle) o dermatillomania, è caratterizzato da un ricorrente stuzzicamento della pelle che causa lesioni cutanee. Gli individui con dermatillomania usano le unghie o i denti per pizzicare la pelle, ma anche pinzette, spilli o altri strumenti analoghi. Il risultato purtroppo sono ferite a volte profonde, infezioni, cicatrici che sfigurano la persona spesso in modo

    acufene
    31 Ottobre 2022 | DOC
    Di Sonya Sabbatino

    “Sento un fischio nell’orecchio, non ce la faccio più!” L’acufene o tinnito rappresenta un processo in cui si manifesta la percezione di un suono in assenza di una stimolazione sonora (Jastreboff, 1990). Tale suono può essere di diversi tipi, continuo o intermittente ed in alcuni casi può essere associato ad una perdita uditiva; inoltre viene

    Seguici sui social

    <!–© Copyright 2024 Istituto Watson P.IVA: 02407780010 – Tutti i diritti su materiali e contenuti pubblicati sono protetti – Privacy Policy – Sitemap–>
    © Copyright 2024 Istituto Watson Corso Vinzaglio 12/BIS Torino P.IVA: 02407780010 – Tutti i diritti su materiali e contenuti pubblicati sono protetti
    Privacy PolicyCookie PolicyTermini e Condizioni di Vendita