Icona Blog
Il blog di iWatson

IL DISMORFISMO CORPOREO

Riguarda le preoccupazioni per uno o più aspetti del proprio fisico, percepiti come difettosi o imperfetti, non attraenti, brutti, anormali e deformi, indipendentemente dal peso e dall’età. Tali difetti non appaiono ad un esame oggettivo esterno, o se presenti, non appiano così gravi come invece vengono percepiti. Inoltre è correlato al sentimento di accettazione e

Contenuti di questo post:

    Riguarda le preoccupazioni per uno o più aspetti del proprio fisico, percepiti come difettosi o imperfetti, non attraenti, brutti, anormali e deformi, indipendentemente dal peso e dall’età. Tali difetti non appaiono ad un esame oggettivo esterno, o se presenti, non appiano così gravi come invece vengono percepiti.

    Inoltre è correlato al sentimento di accettazione e di bellezza: la persona affetta da dismorfismo corporeo  si sentirà apprezzata solo modificando ed eliminando i propri difetti, e quindi meritevole di amore solo se dotata di un bell’aspetto. Le preoccupazioni sul proprio aspetto diventano quindi vere e proprie ossessioni, vissute in maniera angosciante e delirante, che occupano gran parte della giornata ed impediscono alla persona di svolgere qualsiasi altra attività lavorativa o ricreativa e che la portano a mettere in atto delle compulsioni (ovvero comportamenti ripetitivi od azioni mentali in risposta alle preoccupazioni mentali) atte a placare l’ansia e il disagio: continue e ripetute occhiate e rimirate allo specchio o alle superfici riflettenti, ricorso a cure odontoiatriche ed estetiche, interventi chirurgici, uso di protesi e parrucche, esfoliazione ripetuta e profonda della pelle, epilazione definitiva fino allo strappo vero e proprio di peli e capelli, evitamento di situazioni sociali e riduzione delle relazioni interpersonali.

    In queste condizioni è facile sviluppare una dipendenza da alcol o sostante stupefacenti, nel tentativo di distrarsi. Il tono dell’umore cala inevitabilmente e può portare a stati depressivi, aggravati anche dall’isolamento sociale e dal ritiro emozionale, mentre l’angoscia costante può portare a stati ansiosi, disturbi del sonno e dell’attenzione. Purtroppo sono frequenti anche i casi di tentativi di suicidio, attuati nella speranza di lenire l’angoscia e porre fine alle sofferenze percepite.

    Il disturbo interessa tutte le fasce di età, dai bambini agli anziani, anche se normalmente l’esordio si ha nell’adolescenza, con tassi di prevalenza nei paesi occidentali tra l’1,7% e il 2,4%. Le parti del corpo maggiormente interessate sono la pelle (73%), il viso, con in particolare il naso (37%), i capelli ed i peli (56%).

    Pur essendo un chiaro disturbo di natura psicologica, piuttosto che fisica, molte persone affette da dismorfismo corporeo  faticano ad accettare che la causa del loro malessere non sia realmente oggettivabile; possono perciò opporre una strenua resistenza ad interventi di tipo psicologico, preferendo interventi di chirurgia estetica, spesso estremi, dannosi e molto dispendiosi. In questi casi, è importante lavorare sulle motivazioni, le convinzioni e le credenze radicate, cercando di sviluppare consapevolezza e favorire la formazione di nuove risposte comportamentali, oltre che lavorare sull’accettazione di sé e sul concetto di bellezza.

    AUTORE:

    Giulia ADORANTE
    Bibliografia

    • American Psychiatric Association (2013). Diagnostic and statistic manual of mental disorders (5th edition). Arlington: American Psychiatric Publishing. Trad. it. DSM-5. Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali. Milano: Raffaello Cortina Editore, 2014
    • Neziroglu, F. A. & Yaryura-Tobias, J. A. (1993). Exposure, response prevention and cognitive therapy in the treatment of body dysmorphic disorder. Behavior Therapy, 24, 431-438
    • Phillips KA. The Broken Mirror: Understanding and Treating Body Dysmorphic Disorder (2nd ed, revised). New York, NY: Oxford University Press; 2005
  1. Condividi
  2. Articoli correlati
    Gaslighting
    28 Luglio 2022 | Psicologia
    Di Stefania Durando

    Il Gaslighting è una modalità manipolativa di abuso emotivo. Viene utilizzato dall’abusante per mettere in discussione le vostre credenze e la vostra percezione della realtà. Con il passare del tempo, questo tipo di manipolazione può abbattere la vostra autostima e la fiducia in voi stessi/e portandovi ad essere dipendente dalla persona che la utilizza. Il

    lasciare senza spiegazioni
    20 Luglio 2022 | Psicologia
    Di Stefania Durando

    Ghosting significa scomparire improvvisamente dalla vita di qualcuno senza nessun avvertimento, senza un messaggio, una telefonata, una mail. È diventato un fenomeno tipico nell’era moderna delle relazioni romantiche, ma anche in altri contesti sociali e professionali. Sulla base di alcuni studi svolti nel 2018 (Ghosting and destiny: Implicit theories of relationships predict beliefs about ghosting

    pipì a letto
    28 Giugno 2022 | Psicologia
    Di Enrico Rolla

    Bagnare il letto (enuresi) è una condizione piuttosto diffusa e alquanto fastidiosa sia per un bambino, sia per una persona adulta. Può avere un impatto notevole e invalidante sul benessere e sulla vita sociale di chi ne soffre e l’effetto stressante coinvolge anche i familiari.La prevalenza del disturbo è maggiore tra i bambini di 5

    Seguici sui social


    © Copyright 2022 Istituto Watson Corso Vinzaglio 12/BIS Torino P.IVA: 02407780010 – Tutti i diritti su materiali e contenuti pubblicati sono protetti – Privacy PolicyCookie Policy