Icona Blog
Il blog di iWatson

FACEBOOK E LE EMOZIONI

Facebook e le Emozioni: le emozioni sono contagiose anche nel mondo virtuale?Uno studio condotto dalla Cornell University e dall’ Università della California in collaborazione con Facebook, e pubblicato lo scorso Giugno afferma che “le emozioni condivise dagli altri attraverso Facebook influenzano le nostre emozioni”. Questo studio ha suscitato molto scalpore soprattutto a causa del coinvolgimento

Contenuti di questo post:

    Facebook e le Emozioni: le emozioni sono contagiose anche nel mondo virtuale?
    Uno studio condotto dalla Cornell University e dall’ Università della California in collaborazione con Facebook, e pubblicato lo scorso Giugno afferma che “le emozioni condivise dagli altri attraverso Facebook influenzano le nostre emozioni”.


    Questo studio ha suscitato molto scalpore soprattutto a causa del coinvolgimento diretto del Social Network, che ha manipolato i contenuti positivi e negativi apparsi sulle bacheche di oltre 689 mila utenti.
    In particolare in un test, furono ridotti i post positivi mentre, nell’altro i post negativi, che potevano apparire nella bacheca di questi utenti. Successivamente, i ricercatori misurando la percentuale di parole positive o negative utilizzate dall’utenza, rilevarono che i soggetti ai quali erano stati ridotti i post positivi dalla bacheca, manifestavano la tendenza a pubblicare meno “stati” positivi e più negativi. Mentre coloro ai quali erano stati ridotti i post negativi, sembravano pubblicare meno “stati” negativi e più positivi.
    I risultati mostrano come le emozioni possano risultare contagiose anche attraverso i Social Network Online, e dunque senza che avvenga una interazione face-to-face tra due o più persone.
    Gli utenti di Facebook quindi, “imitano” le emozioni dei propri amici attraverso la condivisione di stati, senza che sia necessaria un’interazione diretta.
    Inoltre, è interessante anche vedere come, in realtà, la condivisione di “stati” positivi da parte di altri non influenzi negativamente il lettore, ma al contrario lo stimoli alla condivisione di emozioni positive.
    Gli effetti dimostrati dalla ricerca non sono staticamente significativi, ma possono avere conseguenze importanti per un Social Network come Facebook.
    “Il collegamento tra emozioni e benessere fisico suggerisce l’importanza di questi risultati per la salute Pubblica”.
    Fonte:
    -Live Science, Tanya Lewis.

  1. Condividi
  2. Articoli correlati
    narcisista
    23 Marzo 2022 | Psicologia
    Di Cristina Monti

    A tutti può capitare di relazionarsi con un narcisista. E spesso, anche se loro ne sono inconsapevoli, noi li riconosciamo. Si tratta dei narcisisti “OVERT”, abbastanza facili da individuare. Sono in grado di assorbire tutta l’attenzione, positiva e negativa. Amano essere al centro della scena, hanno bisogno di costante ammirazione, bramano affetto anche da fonti

    07 Gennaio 2022 | Psicologia
    Di Rosanna Tremamondo

    Che tipo di psicoterapeuta sei? Uno degli aspetti più rilevanti e significativi del percorso di formazione che state affrontando è la scelta dell’orientamento teorico più adatto a voi. Lungo la strada vi verranno presentate diverse prospettive o scuole di pensiero della psicologia. Queste offrono una rappresentazione di come diversi psicologi nel tempo hanno tentato di

    03 Gennaio 2022 | Psicologia
    Di Rosanna Tremamondo

    Lanciato per la prima volta nel 2004, Facebook ha rivoluzionato il nostro modo di comunicare, socializzare, connettersi con le persone, condividere pensieri e attimi della propria vita. E’ diventato di uso così comune che sono in pochi a non avere un proprio profilo su questo social network. I recenti dati  sostengono che in Italia sono

    Seguici sui social


    © Copyright 2022 Istituto Watson P.IVA: 02407780010 – Tutti i diritti su materiali e contenuti pubblicati sono protetti – Privacy PolicyCookie Policy