ESISTE L’ AMICIZIA TRA UOMO E DONNA?

Home » Blog » ESISTE L’ AMICIZIA TRA UOMO E DONNA?

ESISTE L’ AMICIZIA TRA UOMO E DONNA?

L’amicizia tra uomo e donna esiste? La scienza dimostra perché sembra impossibile per uomini e donne essere “solo amici”

Si tratta di una delle domande più antiche che perseguitano l’uomo (e la donna): esiste l’amicizia tra uomo e donna, o ci sarà sempre dell’attrazione? Come  riportato da Science.Mic, un nuovo studio dell’Evolutionary Psychology journal presenta interessanti novità per i fautori dell’impossibilità dell’amicizia tra uomo e donna. La ricerca, condotta in Normandia, ha scoperto che uomini e donne fondamentalmente si fraintendono: lei interpreta egnali d’interesse sessuale come amicizia mentre lui legge spesso i segnali d’amicizia come interesse sessuale.

Può suonare stereotipato, ma gli uomini hanno in testa il sesso. I ricercatori della Norwegian University of Science and Technology hanno intervistato 308 laureandi tra i 18 e i 30 anni chiedendogli delle proprie amicizie, attrazioni sessuali e delle esperienze che hanno avuto con l’errata lettura dei segnali inviati dall’altro sesso. Il risultato è stato che gli uomini comunemente sopravvalutano l’interesse sessuale proveniente dalle donne: le intervistate sono state fraintese dagli amici maschi in media 3/4 volte nello scorso anno. D’altro canto le donne sottovalutano l’interesse sessuale maschile, seppure in maniera spiccatamente inferiore.

La ricerca è in linea con gli studi precedenti: nel 2009 la Pacific and Asian Communication Association ha osservato che gli uomini trovano le donne più seducenti, promiscue e civettuole rispetto alla visione degli uomini della controparte femminile. Dietro la tendenza maschile a sopravvalutare i segnali sessuali potrebbe esserci l’evoluzione. I ricercatori norvegesi hanno ipotizzato che gli uomini sopravvalutino l’interesse sessuale al fine di minimizzare gli “errori” nella scelta del partner; quando si tratta di selezione naturale la capacità dell’uomo di riprodursi è di primaria importanza, quindi non può lasciarsi sfuggire occasioni. I sentimenti non ricambiati sono comuni: uno studio del 2012 di Adrian F. Ward, del Department of Psychology di Harvard, ha scoperto che per gli uomini è più facile essere attratti dalle proprie amiche di quanto non sia per loro. Come negli studi più recenti, era più facile che pensassero che le loro amiche fossero attratte da loro anche quando ciò non era vero. D’altro canto, Scientific American (sito d’ informazione americana) ha sottolineato che “anche le donne ignorano la mentalità degli amici di sesso opposto; questo perché le donne normalmente non sono attratte dai propri amici maschi e presumono che questa mancanza d’attrazione sia reciproca”. Qui che le cose diventano imbarazzanti: quando uomini e donne non riescono a comprendersi, le cose possono farsi complesse.

Questo non significa che l’amicizia sia impossibile: gli studi non hanno esaminato se queste incomprensioni possano ostacolare l’amicizia. Tuttavia, i ricercatori hanno preso in considerazione quanto i fraintendimenti possano contribuire alle molestie sessuali. “Una donna che ride alle tue battute, ti sta vicina o tocca il tuo braccio a una festa non è necessariamente sessualmente interessata, anche se pensi sia così”, ha tenuto a ricordare Mons Bendixen, capo della ricerca. Ma è chiaro che fraintendere l’interesse sessuale di un amico può compromettere un’amicizia uomo-donna. Dopotutto, a Harry e Sally sono occorsi anni di stress e separazioni per capire davvero come stavano le cose . Detto ciò, segnali mal interpretati o meno, le amicizie tra persone del sesso opposto esistono, oggi più che mai.

Secondo il sociologo Micheal Kimmel, per le nuove generazioni è molto più semplice vedere l’amicizia uomo-donna come una cosa normale. Inoltre, c’è ragione di pensare che avere più amici maschi possa aiutare le donne etero a fare più sesso – il che potrebbe rendere qualsiasi imbarazzo un rischio trascurabile.

Link: http://www.huffingtonpost.it/2015/02/02/lamicizia-uomo-e-donna-non-esiste_n_6593446.html

Fonte: Dire.it

 

 

By |2018-11-23T17:26:04+00:0012 maggio, 2015|Psicologia|