Icona Blog
Il blog di iWatson

Cura l’Insonnia con l’Ipnosi

Può essere molto difficile convivere con l’insonnia. Il sonno infatti è una delle cose più importanti di cui si ha bisogno per rimanere in salute. Possiamo vivere senza cibo per giorni, vivere anche senza amici, ma dormire è vitale per la nostra sopravvivenza. Ma cosa si può fare quando si ha difficoltà a dormire per

Contenuti di questo post:

    Può essere molto difficile convivere con l’insonnia. Il sonno infatti è una delle cose più importanti di cui si ha bisogno per rimanere in salute. Possiamo vivere senza cibo per giorni, vivere anche senza amici, ma dormire è vitale per la nostra sopravvivenza.

    Ma cosa si può fare quando si ha difficoltà a dormire per giorni o settimane? Ci sono diverse soluzioni che possono migliorare la qualità del sonno e  della vita. Tra queste, numerose ricerche indicano l’ipnosi e la terapia cognitivo comportamentale come le più efficaci.

    COSA SUCCEDE AL CORPO SE NON SI DORME ABBASTANZA?

    Se si passa una notte a girarsi e rigirarsi nel letto, dormendo meno ore di quelle necessarie a ciascuno, è probabile che il giorno dopo si avvertano stanchezza e irritabilità. Ma non essere in grado di dormire per lunghi periodi, può avere degli effetti anche sull’organismo. Si riducono le capacità mentali e si mette a serio rischio la salute.

    Le ricerche hanno ampiamente dimostrato come la deprivazione di sonno sia collegata a numerosi problemi fisici e psicologici:

    • problemi di concentrazione e di memoria
    • cambiamenti di umore
    • problemi di equilibrio e coordinazione
    • rischio di malattie cardiache
    • debolezza del sistema immunitario
    • rischio di diabete
    • problemi di peso
    • riduzione della libido
    • aumento della pressione sanguigna

    QUANDO È UTILE RICORRERE ALL’IPNOTERAPIA COGNITIVO COMPORTAMENTALE?

    Nella pluralità delle tecniche utilizzate nella psicoterapia cognitivo comportamentale, l’ipnosi occupa un posto d’onore. Durante una seduta di trattamento con ipnosi, le persone sono sveglie, consapevoli di ciò che accade e in uno stato di profondo rilassamento. Ci sono numerosi fattori che fanno dell’ipnosi una tecnica efficace per l’insonnia:

    • amplifica sensazioni, percezioni, pensieri, emozioni e comportamenti
    • incrementa l’immaginazione e la rievocazione, per cui gli eventi immaginati sono percepiti come reali
    • permette di bypassare le resistenze cognitive
    • aumenta le risposte di rilassamento
    • è applicabile in ogni situazione giornaliera
    • aiuta a focalizzare l’attenzione su ciò che si desidera e a lasciarsi scivolare pensieri ed emozioni indesiderate
    • è un’opportunità per creare, sviluppare e controllare esperienze dissociative

    A differenza dei farmaci, non ci sono effetti collaterali ed è quindi il principale rimedio per le persone che non possono o non vogliono prendere sonniferi.

    I CONSIGLI DEGLI ESPERTI

      Acconsento al trattamento dei dati personali secondo il nuovo regolamento generale della protezione dei dati dell’Unione Europea (GDPR) e delle successive modifiche e secondo la Privacy Policy presente nel sito.

    • Condividi
    • Articoli correlati
      valeriana insonnia
      21 Luglio 2022 | Insonnia
      Di Sonya Sabbatino

      L’insonnia è un disturbo del sonno estremamente diffuso a livello mondiale. Gli esperti della salute sottolineano come una quantità/qualità di sonno insufficiente, possa contribuire allo sviluppo o all’esacerbazione di problematiche legate alla salute psicofisica individuale. Per questo motivo è consigliabile un intervento che promuova o ristabilisca un buon ciclo sonno/veglia. Molte persone ricorrono a rimedi

      sonnolenza
      30 Giugno 2022 | Insonnia
      Di Enrico Rolla

      La stanchezza e la sonnolenza durante la giornata sono alcuni dei motivi che, spesso, inducono le persone a rivolgersi al proprio medico.Capita a tutti noi di avere momenti di sonnolenza ma, in genere, è sufficiente una buona dormita per sentirsi immediatamente meglio. Quando la stanchezza perdura per molto tempo, però, potrebbe trattarsi della sindrome da

      paura di dormire
      28 Giugno 2022 | Insonnia
      Di Enrico Rolla

      Per la maggior parte delle persone, la fine di una lunga giornata è accompagnata dal pensiero di una notte tranquilla rannicchiate nel proprio letto. Per altre, la prospettiva di mettersi a letto per addormentarsi è terrificante. La Somnifobia è caratterizzata da un’intensa avversione per il sonno. Le persone affette da questa condizione cercano di evitarlo

      Seguici sui social


      © Copyright 2022 Istituto Watson Corso Vinzaglio 12/BIS Torino P.IVA: 02407780010 – Tutti i diritti su materiali e contenuti pubblicati sono protetti – Privacy PolicyCookie Policy