Icona Blog
Il blog di iWatson

COME SI GIUSTIFICA UNA VIOLENZA ?

Un nuovo studio della Monash University ha fatto luce su come le persone possono in alcune situazioni trasformarsi in killer dimostrando in che modo l’attività del cervello si modifichi a seconda che una violenza sia vista come giustificata o meno.   Il dottor Pascal Molenberghs, della scuola di Scienze Psicologiche all’Università di Monash, ha pubblicato

Contenuti di questo post:

    Un nuovo studio della Monash University ha fatto luce su come le persone possono in alcune situazioni trasformarsi in killer dimostrando in che modo l’attività del cervello si modifichi a seconda che una violenza sia vista come giustificata o meno.

     

    Il dottor Pascal Molenberghs, della scuola di Scienze Psicologiche all’Università di Monash, ha pubblicato la ricerca sulla rivista Social Cognitive and Affective Neuroscience.

    I partecipanti hanno utilizzato un videogioco in cui dovevano immaginare di uccidere civili innocenti (violenza ingiustificata) o soldati nemici (violenza giustificata). Mentre giocavano, veniva registrata la loro attività cerebrale attraverso la risonanza magnetica funzionale (fMRI). I risultati ottenuti, a detta dei ricercatori, hanno fornito chiarimenti importanti su come le persone in certe situazioni, come durante una guerra, siano in grado di compiere violenze estreme contro altri esseri umani.

    Quando i partecipanti immaginavano di uccidere i civili rispetto ai soldati, si evidenziava un maggiore attivazione della corteccia orbito frontale laterale, un’importante area del cervello coinvolta nelle decisioni morali” afferma il dottor Molenberghs.

    Più i partecipanti si sentivano colpevoli nell’uccidere i civili, maggiore era la risposta della corteccia orbito frontale. Quando uccidevano soldati nemici, non si registrva nessuna attivazione in quest’area cerebrale.”

    Questi risultati mostrano che i meccanismi neuronali tipicamente implicati nell’aggressione diventano meno attivi quando la violenza nei confronti di qualcuno è vista come giustificata.

    La ricerca ha dimostrato che quando una persona è responsabile di quella che ritiene una violenza giustificata o ingiustificata, il senso di colpa associato al fatto è molto diverso; per la prima volta siamo in grado di osservare attraverso la diagnostica per immagini come la colpa sia correlata ad una specifica attivazione del cervello.” prosegue il dottor Molenberghs.

    I ricercatori sperano che ulteriori ricerche possano investigare come le persone possano diventare nel tempo meno sensibili alla violenza e come la personalità e l’appartenenza del carnefice e della vittima ad uno gruppo specifico possano influenzare i processi.

    Riferimenti

    1. P. Molenberghs, C. Ogilvie, W. R. Louis, J. Decety, J. Bagnall, P. G. Bain. The neural correlates of justified and unjustified killing: an fMRI studySocial Cognitive and Affective Neuroscience, 2015; DOI: 10.1093/scan/nsv027
  1. Condividi
  2. Articoli correlati
    narcisista
    23 Marzo 2022 | Psicologia
    Di Cristina Monti

    A tutti può capitare di relazionarsi con un narcisista. E spesso, anche se loro ne sono inconsapevoli, noi li riconosciamo. Si tratta dei narcisisti “OVERT”, abbastanza facili da individuare. Sono in grado di assorbire tutta l’attenzione, positiva e negativa. Amano essere al centro della scena, hanno bisogno di costante ammirazione, bramano affetto anche da fonti

    07 Gennaio 2022 | Psicologia
    Di Rosanna Tremamondo

    Che tipo di psicoterapeuta sei? Uno degli aspetti più rilevanti e significativi del percorso di formazione che state affrontando è la scelta dell’orientamento teorico più adatto a voi. Lungo la strada vi verranno presentate diverse prospettive o scuole di pensiero della psicologia. Queste offrono una rappresentazione di come diversi psicologi nel tempo hanno tentato di

    03 Gennaio 2022 | Psicologia
    Di Rosanna Tremamondo

    Lanciato per la prima volta nel 2004, Facebook ha rivoluzionato il nostro modo di comunicare, socializzare, connettersi con le persone, condividere pensieri e attimi della propria vita. E’ diventato di uso così comune che sono in pochi a non avere un proprio profilo su questo social network. I recenti dati  sostengono che in Italia sono

    Seguici sui social


    © Copyright 2022 Istituto Watson P.IVA: 02407780010 – Tutti i diritti su materiali e contenuti pubblicati sono protetti – Privacy PolicyCookie Policy