Icona Blog
Il blog di iWatson

AUTOSTIMA: QUANDO SI FORMA

Definizione Autostima: L’Autostima  pone le sue radici davvero molto presto nelle nostre vite – quindi cosa la influenza? Secondo un recente studio, a soli 5 anni, i bambini sviluppano un senso di autostima forte tanto quanto gli adulti. L’autostima tende a rimanere stabile nel corso della vita. Questo ci fa capire che l’autostima può instaurarsi

Contenuti di questo post:

    Definizione Autostima:

    L’Autostima  pone le sue radici davvero molto presto nelle nostre vite – quindi cosa la influenza?
    Secondo un recente studio, a soli 5 anni, i bambini sviluppano un senso di autostima forte tanto quanto gli adulti. L’autostima tende a rimanere stabile nel corso della vita.

    Questo ci fa capire che l’autostima può instaurarsi davvero precocemente.

    Il Professor Andrew Meltzoff, uno degli autori dello studio, afferma:

    “Alcuni scienziati ritengono che i bambini in età prescolare sono troppo giovani per poter sviluppare un’idea di sé stessi positiva o negativa. I nostri studi suggeriscono che l’autostima, ovvero il sentirsi più o meno bene con sé stessi, è fondamentale. È un atteggiamento mentale che i bambini portano con sé a scuola, non qualcosa che sviluppano nell’ambiente scolastico”

    Fino a ora è stato difficile valutare l’autostima nei più piccoli.

    Il dr Dario Cvencek, autore principale dello studio, spiega:

    “I bambini in età prescolare sono in grado di raccontare con parole proprie le cose in cui si sentono bravi qualora ci si riferisca ad abilità concrete e pratiche come “Sono bravo/a nella corsa” o “Sono bravo/a in italiano”, ma hanno difficoltà a fornire risposte a domande riguardo al loro valore personale (bravo/a-cattivo/a)”

    I ricercatori hanno utilizzato un test di valutazione sviluppato di recente per esaminare l’autostima a livello implicito. In altre parole: non pone domande dirette ai bambini, ma va alla ricerca di associazioni.

    Per esempio, un test per adulti potrebbe andare alla ricerca di associazioni tra i termini “sé stesso” e le parole “piacevole” o “spiacevole”.

    Gli stessi test sono stati adattati per i bambini che non sono ancora in grado di leggere, conservandone il principio. I ricercatori hanno esaminato il livello di autostima in 200 bambini di 5 anni.

    Il dr Dario Cvencek, spiega i risultati ottenuti:

    “Il nostro lavoro getta uno primo sguardo sulle impressioni che i bambini in età prescolare cominciano ad avere su sé stessi”.

    Abbiamo rilevato che già all’ età di 5 anni l’autostima è radicata abbastanza da poter essere misurata attraverso metodi sensibili.

    L’autostima gioca un ruolo critico nella formazione delle varie identità sociali.

    I nostri risultati sottolineano l’importanza dei primi 5 anni di età come fondamenta delle nostre vite”

    Fonte PsyBlog

  1. Condividi
  2. Articoli correlati
    Gaslighting
    28 Luglio 2022 | Psicologia
    Di Stefania Durando

    Il Gaslighting è una modalità manipolativa di abuso emotivo. Viene utilizzato dall’abusante per mettere in discussione le vostre credenze e la vostra percezione della realtà. Con il passare del tempo, questo tipo di manipolazione può abbattere la vostra autostima e la fiducia in voi stessi/e portandovi ad essere dipendente dalla persona che la utilizza. Il

    lasciare senza spiegazioni
    20 Luglio 2022 | Psicologia
    Di Stefania Durando

    Ghosting significa scomparire improvvisamente dalla vita di qualcuno senza nessun avvertimento, senza un messaggio, una telefonata, una mail. È diventato un fenomeno tipico nell’era moderna delle relazioni romantiche, ma anche in altri contesti sociali e professionali. Sulla base di alcuni studi svolti nel 2018 (Ghosting and destiny: Implicit theories of relationships predict beliefs about ghosting

    pipì a letto
    28 Giugno 2022 | Psicologia
    Di Enrico Rolla

    Bagnare il letto (enuresi) è una condizione piuttosto diffusa e alquanto fastidiosa sia per un bambino, sia per una persona adulta. Può avere un impatto notevole e invalidante sul benessere e sulla vita sociale di chi ne soffre e l’effetto stressante coinvolge anche i familiari.La prevalenza del disturbo è maggiore tra i bambini di 5

    Seguici sui social


    © Copyright 2022 Istituto Watson Corso Vinzaglio 12/BIS Torino P.IVA: 02407780010 – Tutti i diritti su materiali e contenuti pubblicati sono protetti – Privacy PolicyCookie Policy