Icona Blog
Il blog di iWatson

Attacchi di Panico

attacchi di panico

Il paziente che viene nel mio studio per una prima visita perchè soffre di attacchi di panico, ha sempre molti dubbi, incertezze e molte domande da pormi.In genere soffre di attacchi i panico già da alcuni anni e, a volte, è anche agorafobico. Ha già provato a utilizzare farmaci e a seguire alcune terapie, ma

Contenuti di questo post:

    Il paziente che viene nel mio studio per una prima visita perchè soffre di attacchi di panico, ha sempre molti dubbi, incertezze e molte domande da pormi.
    In genere soffre di attacchi i panico già da alcuni anni e, a volte, è anche agorafobico. Ha già provato a utilizzare farmaci e a seguire alcune terapie, ma senza ottenere risultati.
    Spesso, informato sul fatto che la Terapica Cognitivo Comportamentale può portare giovamento alla sua situazione , si è già documentato sulla sua efficacia.

    I dubbi che hanno i pazienti, il più delle volte, dipendono dai percorsi terapeutici che hanno seguito in precedenza:

    • Il primo percorso affrontato, di solito, è quello farmacologico. Il paziente inizia ad assumere ansiolitici e in alcuni casi , anche antidepressivi.
    • Un secondo percorso è quello di ricorrere a una terapia analitica non specifica per il disturbo d’attacco di panico, da cui difficilmente il paziente riesce ad ottenere i risultati attesi. E’ abbastanza facile comprendere la sua insoddisfazione. In quel tipo di terapia si va a ritroso: si procede nell’analisi del passato del paziente, spesso a partire dalla fanciullezza, dai rapporti con i genitori; ma questo tipo si analisi richiede tempi lunghi di trattamento, mentre il disturbo continua a risultate operativo al presente, nella vita attuale del paziente.
      Di qui la delusione: “Penso di avere approfondito e chiarito (pensa il paziente) alcuni momenti della mia vita, ma ho ancora lo stesso problema e non l’ho superato”

    Qui vedremo un terzo percorso che punta a ritornare a vivere grazie a degli strumenti efficaci per poterlo fare.

    Enrico rolla

    La Terapia Cognitivo Comportamentale, è considerata il trattamento di prima scelta efficace per gli attacchi di panico e il disturbo di panico.

    Il terapeuta guida il paziente a ricreare gradualmente i sintomi di un attacco di panico in modo sicuro e ripetitivo. Una volta che le sensazioni fisiche non vengono più percepite come minacciose, gli attacchi iniziano a risolversi. Il trattamento aiuta, inoltre, a superare le paure verso le situazioni evitate a causa degli attacchi di panico.
    Ottenere risultati dal trattamento può richiedere tempo e fatica. È possibile iniziare a vedere i sintomi dell’attacco di panico ridursi entro diverse settimane e spesso diminuire in modo significativo o scomparire entro diversi mesi.

    Cosa è un attacco di panico

    Un attacco di panico è una scarica di ansia intensa accompagnata da una serie di sintomi fisici e un senso di paura o terrore.
    Il disturbo di panico è un disturbo d’ansia in cui si sperimentano regolarmente attacchi improvvisi di panico o paura.
    Tutti provano sentimenti di ansia e panico in determinati momenti della vita. È una risposta naturale a situazioni stressanti o pericolose. Ma chi soffre di disturbo di panico ha sentimenti di ansia, stress e panico regolarmente e in qualsiasi momento, spesso senza una ragione apparente.
    Alcune persone che sperimentano questa condizione, temono di avere un infarto, di poter impazzire oppure morire.

    Sintomi Attacchi di Panico

    Ansia

    L’ansia è una sensazione di disagio. Può variare da lieve a grave e può includere sentimenti di preoccupazione e paura. Il panico è la forma più grave e intensa di ansia. La persona che ne soffre iniziare ad evitare determinate situazioni perché teme che si inneschi un altro attacco. Questo processo può generare un circolo vizioso chiamato “paura della paura” che aumenta il senso di panico e la frequenza di futuri attacchi.

    Attacchi di panico

    Durante un attacco di panico si ha una scarica di intensi sintomi fisici e cognitivi. Può accadere molto rapidamente e senza motivo apparente. Un attacco di panico può essere molto spaventoso e angosciante.

    I sintomi includono:

    • battito cardiaco accelerato
    • sensazione di svenimento
    • sudorazione
    • nausea
    • dolore al petto
    • fiato corto
    • tremori
    • vampate di calore
    • brividi
    • sensazione di soffocamento
    • vertigini
    • intorpidimento o formicolio
    • bocca asciutta
    • necessità di andare in bagno
    • ronzio nelle orecchie
    • sensazione di terrore o paura di morire
    • formicolio alle dita
    • sentirsi come staccati dal corpo

    La maggior parte degli attacchi di panico dura tra i 5 ei 20 minuti. Talvolta possono durare fino a un’ora. Il numero di attacchi ovvero la loro frequenza, dipende dalla gravità della condizione individuale. Alcune persone hanno attacchi una o due volte al mese, e altre, più volte alla settimana. Sebbene gli attacchi di panico siano spaventosi, non sono pericolosi. Un attacco non può causare alcun danno fisico.

    Cause Crisi di Panico

    Non sono ancora del tutto conosciute le cause degli attacchi di panico, ma i seguenti fattori possono giocare un ruolo importante nello sviluppo del problema:

    • Stress intenso
    • Genetica
    • Temperamento più sensibile allo stress o incline alle emozioni negative
    • Alcuni cambiamenti nel modo in cui alcune parti del cervello funzionano

    Gli attacchi di panico, inizialmente, possono manifestarsi improvvisamente e senza preavviso, ma nel tempo di solito vengono innescati da determinate situazioni.

    Alcune ricerche suggeriscono che la risposta di “attacco – fuga” sia del tutto funzionale e istintiva di fronte a un pericolo imminente o a una minaccia reale. Ad esempio, se venissimo inseguiti da un avventore, il nostro corpo reagirebbe istintivamente. La frequenza cardiaca e la respirazione aumenterebbero mentre il corpo si prepara a reagire per sopravvivere. Reazioni simili si verificano durante un attacco di panico. Ma non è noto il motivo per cui un attacco di panico possa presentarsi quando non è presente alcun pericolo evidente.

    Fattori di rischio

    I sintomi del disturbo di panico spesso hanno esordio nella tarda adolescenza o all’inizio dell’età adulta e colpiscono più frequentemente le donne che gli uomini.

    I fattori che possono aumentare il rischio di sviluppare attacchi di panico o disturbo di panico includono:

    • Storia familiare di attacchi di panico o disturbo di panico
    • Fattori di stress intenso, come la morte o una grave malattia di una persona cara
    • Un evento traumatico, come una violenza sessuale o un incidente grave
    • Grandi cambiamenti nella vita, come il divorzio o la nascita di un bambino
    • Fumo o eccessiva assunzione di caffeina
    • Storia di abusi fisici o sessuali nell’infanzia
    • Periodi di vita complicati

    Se non trattati, gli attacchi di panico e il disturbo di panico possono colpire quasi ogni area della vita. Le persone possono vivere nella costante paura di stare male, in uno stato di allerta costante, tale da compromettere la qualità della propria vita.

    Complicazioni collegate o conseguenti agli attacchi di panico possono includere:

    • Sviluppo di fobie specifiche, come la paura di guidare o di uscire di casa
    • Richiesta di assistenza medica frequente per problemi di salute e altre condizioni di salute
    • Evitamento di situazioni sociali
    • Problemi al lavoro o a scuola
    • Depressione, disturbi d’ansia e altri disturbi psichiatrici
    • Aumento del rischio di suicidio o pensieri suicidi
    • Uso improprio di alcol o altre sostanze
    • Problemi finanziari

    In alcuni casi, il disturbo di panico può portare allo sviluppo di agorafobia: la tendenza a evitare luoghi o situazioni che causano disagio per il timore di non poter scappare oppure ottenere aiuto nel caso si presentasse un attacco di panico. Talvolta si sviluppa una dipendenza da altre persone per l’estrema difficoltà a restare da soli o a uscire di casa. per stare con te per lasciare la tua casa.

    Cosa fare se si ha una Crisi di Panico

    È importante non permettere che la paura degli attacchi di panico prenda il controllo.
    Gli attacchi di panico passano sempre e i sintomi non sono un segnale che qualcosa di dannoso stia accadendo o accadrà.
    È essenziale ricordare a sé stessi che i sintomi provati sono causati dall’ansia.

    Non cercare distrazioni. L’attacco, una volta innescato deve fare il suo corso. Raggiungerà un picco per poi decrescere in modo fisiologico. Se possibile, è importante cercare di rimanere nella situazione finché l’ansia non si sarà placata.

    Affronta la tua paura. Se non scappi da essa, ti darai la possibilità di scoprire che non succederà nulla.

    Quando l’ansia inizia a passare, si può gradualmente riportare l’attenzione sull’ambiente circostante e continuare a fare quello che si stava facendo precedentemente.

    Il supporto sociale è altrettanto significativo. Durante un attacco breve e improvviso, avere il sostegno e la rassicurazione da parte di una persona che possa ricordare che passerà e che i sintomi non sono nulla di cui preoccuparsi, può essere utile.

    Esercizi di respirazione

    Se durante un attacco di panico ci si accorge di emettere respiri brevi e veloci (iperventilazione), è possibile intraprendere un esercizio di respirazione allo scopo di alleviare i sintomi. Ecco un esempio:

    • inspira il più lentamente, profondamente e delicatamente possibile, attraverso il naso
    • espira lentamente, profondamente e delicatamente attraverso la bocca
    • alcune persone trovano utile contare da uno a cinque per ogni inspirazione e ogni espirazione
    • chiudi gli occhi e concentrati sul tuo respiro

    La sensazione dovrebbe migliorare in pochi minuti. Dopo un attacco è normale provare sensazioni di stanchezza intensa e spossatezza.

    Libro Attacchi di Panico

    libro attacchi di panico

      Acconsento al trattamento dei dati personali secondo il nuovo regolamento generale della protezione dei dati dell’Unione Europea (GDPR) e delle successive modifiche e secondo la Privacy Policy presente nel sito.

      (FAQ)Panico

      Prendere Farmaci per gli attacchi di panico?

      Nel caso in cui venisse valutato necessario, in collaborazione con lo psicoterapeuta e il medico di riferimento, è possibile considerare la prescrizione di farmaci da parte di uno psichiatra.

      Le opzioni più comuni comprendono:

      • Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI). Generalmente sicuri con un basso rischio di gravi effetti collaterali, sono generalmente raccomandati come farmaci di prima scelta per il trattamento degli attacchi di panico. Gli SSRI approvati dalla Food and Drug Administration (FDA) per il trattamento del disturbo di panico includono fluoxetina (Prozac), paroxetina (Paxil, Pexeva) e sertralina (Zoloft).
      • Inibitori della ricaptazione della serotonina e della norepinefrina (SNRI). Questi farmaci sono un’altra classe di antidepressivi. La venlafaxina SNRI (Effexor XR) è approvata dalla FDA per il trattamento del disturbo di panico.
      • Benzodiazepine. Questi sedativi sono depressivi del sistema nervoso centrale. Le benzodiazepine approvate dalla FDA per il trattamento del disturbo di panico includono alprazolam (Xanax) e clonazepam (Klonopin). Le benzodiazepine sono generalmente utilizzate solo a breve termine perché possono creare assuefazione, causando dipendenza mentale o fisica. Questi farmaci non sono una buona scelta per chi ha avuto problemi con l’uso di alcol o droghe. Possono anche interagire con altri farmaci, causando pericolosi effetti collaterali.

      Gli antidepressivi possono impiegare da 2 a 4 settimane prima di fare effetto e fino a 8 settimane per funzionare completamente.
      Una volta intrapreso il trattamento farmacologico è importante non interromperlo repentinamente e monitorarne gli effetti in collaborazione con lo psichiatra di riferimento e lo psicoterapeuta per valutare eventuali modifiche del piano terapeutico.

      Si possono prevenire gli Attacchi di Panico?

      WNon esiste un modo sicuro per prevenire attacchi di panico. Tuttavia, queste raccomandazioni possono aiutare. Intraprendere un trattamento per gli attacchi di panico il prima possibile per evitare che peggiorino o diventino più frequenti. Attenersi al piano di trattamento per aiutare a prevenire le ricadute o il peggioramento dei sintomi degli attacchi. Svolgere attività fisica regolare per tenere sotto controllo l’ansia.

      Come si cura l’ansia e gli attacchi di panico?

      Il trattamento Cognitivo Comportamentale può aiutare a ridurre l’intensità e la frequenza degli attacchi di panico e migliorare la qualità della vita quotidiana. Le principali opzioni sono la psicoterapia e i farmaci. Uno o entrambi i tipi di intervento possono essere raccomandati, a seconda delle preferenze individuali, della storia clinica, della gravità del disturbo e della possibilità di rivolgersi a terapeuti che hanno una formazione speciale nel trattamento dei disturbi di panico

      Click here to complete the form with your order-related question(s).

      Come aiutare chi ha un Attacco di Panico ?

      È importante rivolgersi al medico di medicina generale se vengono riscontrati i sintomi di un disturbo di panico. Il medico procederà a una prima valutazione indagando i sintomi presenti, la loro frequenza e l’esordio. È possibile che vengano prescritti esami fisici alo scopo di escludere altre condizioni che potrebbero causare i sintomi simili (problemi alla tiroide, condizioni cardiache) È importante effettuare una valutazione psicologica per valutare il quadro dei sintomi, di paure o preoccupazioni, situazioni stressanti, problemi di relazione, situazioni evitate e storia familiare. A volte può essere difficile parlare dei propri sentimenti, emozioni e della vita personale, ma è importante cercare di superare l’imbarazzo. Il disturbo di panico può essere diagnosticato se si sperimentano attacchi di panico regolari e aspettati o inaspettati, seguiti da almeno un mese di continua preoccupazione o timore per futuri attacchi.

      Click here to complete the form with your order-related question(s).

      Bibliografia

      • Linee guida del Nice (National Institute for health and care excellence) per il trattamento del disturbo di panico: https://www.nice.org.uk/guidance/cg113/chapter/1-Guidance#stepped-care-for-people-with-panic-disorder l’Istituto Nazionale per la Salute e l’Eccellenza nella Cura è un organismo non dipartimentale che fa capo al Ministero della Salute nel Regno Unito. Negli anni le linee guida pratiche sui trattamenti del NICE sono diventate le più autorevoli e complete al mondo.
      • Linee guida dell’APA (American Psychological Association) https://div12.org/diagnosis/panic-disorder/.
        L’Associazione degli Psicologi Americani che riunisce clinici e ricercatori per un totale di 150.000 membri. In particolare la Divisione 12, deputata allo studio e alla diffusione di linee guida sui trattamenti basati sull’evidenza sperimentale.
      • “Attacchi di Panico. Come uscirne: La potenza della Terapia Cognitivo Comportamentale”E. Rolla
      • Libreria online: https://www.cochranelibrary.com
        Il Cochrane Library è un database che contiene prove di efficacia per poter prendere decisioni informate in tema di salute. Cochrane è un’iniziativa internazionale no-profit nata con lo scopo di raccogliere, valutare criticamente e diffondere le informazioni relative alla efficacia ed alla sicurezza degli interventi sanitari. Vanta 13.000 membri e più di 50.000 sostenitori da più di 130 paesi.

      Contattaci se hai ancora dei dubbi sull’efficacia della Terapia Cognitivo Comportamentale per una cura definitiva.

      Il Watson è un centro specializzato per sconfiggere gli Attacchi di Panico  grazie alla Terapia Cognitivo Comportamentale.

      Puoi Contattarci dal sito o chiamarci allo 011 56 11102

        Hai bisogno di informazioni?
        Compila il form e ti ricontatteremo.

      • Condividi
      • Articoli correlati
        integratori ansia
        24 Giugno 2022 | Ansia Attacchi di Panico
        Di Sonya Sabbatino

        Si stima che 1 persona su 10 soffra di attacchi di panico occasionali, mentre 1 su 50 soffre di disturbo di panico, che si traduce in attacchi più frequenti. Le donne hanno il doppio delle probabilità degli uomini di soffrire di questa condizione.Gli attacchi di panico causano sintomi sia fisici che emotivi; una paura o

        farmaci attacchi di panico
        22 Giugno 2022 | Attacchi di Panico
        Di Enrico Rolla

        Il trattamento farmacologico viene solitamente consigliato qualora i sintomi persistessero a dispetto dell’intervento psicoterapico e dalle strategie messe in atto dal paziente. Possono inoltre essere consigliati qualora il disturbo arrivasse a un livello tale da limitare la vita del paziente. I farmaci dovrebbero essere prescritti per un lasso di tempo limitato entro il quale il

        libro attacchi di panico
        04 Giugno 2022 | Attacchi di Panico
        Di Enrico Rolla

        “In questo libro, frutto della mia esperienza trentennale, spiego come passare all’azione, affrontare e superare gli attacchi di panico.In ogni capitolo, come se foste in una seduta individuale, verrete accompagnati nel vostro percorso.” Libro sugli Attacchi di Panico Compilerete i questionari di valutazione, imparerete le tecniche per gestire pensieri, comportamenti ed emozioni. Vi racconterò storie

        Seguici sui social


        © Copyright 2022 Istituto Watson Corso Vinzaglio 12/BIS Torino P.IVA: 02407780010 – Tutti i diritti su materiali e contenuti pubblicati sono protetti – Privacy PolicyCookie Policy