Icona Blog
Il blog di iWatson

ANTIDEPRESSIVI: COSA SAPERE

Gli antidepressivi funzionano? Quali sono gli effetti collaterali? E altro… Il funzionamento degli  antidepressivi è imprevedibile Sfortunatamente, per la metà dei casi di depressione, il primo antidepressivo prescritto solitamente non funziona. Inoltre, circa 1/3 dei pazienti non rispondono ad alcun farmaco (sebbene le terapie psicologiche possano risultare utili). Al momento, l’unico modo per sapere se

Contenuti di questo post:

    Gli antidepressivi funzionano? Quali sono gli effetti collaterali? E altro…

    Il funzionamento degli  antidepressivi è imprevedibile

    Sfortunatamente, per la metà dei casi di depressione, il primo antidepressivo prescritto solitamente non funziona.

    Inoltre, circa 1/3 dei pazienti non rispondono ad alcun farmaco (sebbene le terapie psicologiche possano risultare utili).

    Al momento, l’unico modo per sapere se funzioneranno è provare e vedere cosa succede.

    Questo significa che molte persone depresse devono aspettare circa tre mesi per capire se il farmaco funzionerà o meno.

    • La scienza degli antidepressivi si basa su dati contrastanti

    I dati scientifici a sostegno degli  antidepressivi più comunemente usati,  sono del tutto contrastanti, secondo le ricerche più attuali.

    Per circa 50 anni gli scienziati e le persone hanno creduto che  la depressione dipendesse da bassi livelli di serotonina nel cervello.

    Di fatto, i dati più recenti suggeriscono che i livelli di serotonina nel cervello delle persone depresse sia più alto e non più basso.

    Questo indicherebbe che gli antidepressivi più comuni renderebbero la situazione peggiore, non migliore.

    • Alcuni scienziati affermano che non funzionano

    La nuova generazione di  antidepressivi ‘SSRI’ come il Prozac o il Seroxat ricade perlopiù “sotto i livelli di significatività clinica raccomandati” secondo alcuni scienziati.

    In altre parole, i farmaci più comunemente prescritti per la depressione, solitamente non funzionano.

    Il loro resoconto sulle ricerche ha rilevato che i farmaci hanno effetti diversi a seconda dei diversi livelli di depressione delle persone:

    • Depressione estrema: beneficio clinicamente significativo – ma continuate a leggere l’articolo.
    • Depressione grave: effetti “di scarso rilievo e non significativi a livello clinico”.
    • Depressione moderata: non comportano “differenze di alcun tipo”
    • Depressione lieve: solitamente viene trattata con la psicoterapia piuttosto che con i farmaci

     

    Effetti collaterali Antidepressivi nascosti

    Un’indagine recente condotta su persone che assumono antidepressivi hanno rilevato livelli superiori alle attese di stordimento emotivo, problemi sessuali, come anche di pensieri suicidiari associati all’assunzione del farmaco.

    Lo studio, pubblicato nella rivista Psychiatry Research, rileva che circa la metà delle persone intervistate aveva sviluppato una serie di  problemi psicologici in concomitanza all’assunzione del farmaco.

    Dei 20 effetti collaterali indagati risulta che:

    • Il 62% delle persone ha affermato di avere “difficoltà sessuali”
    • Il 52% delle persone ha affermato  di “sentirsi diversa”
    • Il 42% delle persone ha  notato una riduzione delle “emozioni positive”
    • Il 39% delle persone  ha affermato di “sentirsi meno interessata agli altri”
    • E il 55% ha riportato una tendenza all’ “evitamento”

    Nonostante questi dati, l’82% delle persone ha trovato utile i farmaci per affrontare i propri sintomi depressivi.

    frasi depressione

    • La maggior parte degli antidepressivi causa un aumento del peso

    Bupropione, meglio conosciuto come Wellbutrin, è il solo antidepressivo correlato alla perdita di peso, secondo recenti ricerche.

    Al contrario, l’assunzione di  fluoxetina (conosciuta da molti come Prozac) ha portato ad accumulare in media  2 kg  nel periodo di assunzione (2 anni).

    Antidepressivi e Perdita di memoria

    Gli antidepressivi di vecchia generazione  — i triciclici — sono correlati alla perdita della memoria.

    Alcuni dei farmaci appartenenti a questa categoria sono:

    • desipramina (Norpramin),
    • imipramina (Tofranil),
    • clomipramina (Anafranil),
    • e doxepina (Sinequan).

    Circa la metà delle persone che li hanno assunti hanno rilevato problemi di concentrazione e 1/3 ha riferito un peggioramento della memoria.

    • Alcuni integratori naturali possono migliorare l’effetto degli antidepressivi

    Quattro supplementi di origine naturale hanno dimostrato di incrementare l’efficacia degli antidepressivi.

    Questi integratori sono:

    1. Omega 3 olio di pesce,
    2. S- adenosil metionina (SAM),
    3. metilfolato (forma bioattiva di folato),
    4. e vitamina D.

    La conclusione deriva dalla revisione di 40 studi clinici condotti in tutto il mondo.

    Gli antidepressivi sono collegati all’autismo

    Le madri che usano gli psicofarmaci per la depressione durante la gravidanza possono aumentare il rischio di autismo nei propri bambini.

    Le conclusioni derivano da un nuovo studio che ha incluso 145,456 donne in stato di gravidanza.

    Dato che circa il 7% delle donne in  stato di gravidanza assume antidepressivi, lo studio può avere implicazioni importanti.

    • Autolesionismo e suicidio

    Un farmaco comunemente utilizzato negli adolescenti, è risultato essere inefficace secondo recenti ricerche. E ancor peggio ha mostrato di avere seri effetti collaterali.

    Il farmaco è chiamato paroxetina, o meglio Paxil, Seroxat e Aropax.

    Antidepressivi e ansia sociale

    L’ansia sociale è comunemente trattata con gli antidepressivi, ma non si tratta del rimedio più efficace.

    Un recente studio ha rilevato che la terapia cognitivo comportamentale è più efficace e i benefici proseguono anche al termine del trattamento.

    I ricercatori hanno riscontrato una migliore efficacia delle terapie psicologiche che dovrebbero essere i trattamenti di prima scelta (sulla base dei risultati emersi).

    Anche gli antidepressivi hanno dimostrato una certa efficacia, ma associata a molti effetti collaterali. Tralatro in alcuni casi non hanno alcun effetto.

    • Una importante testimonianza

    Nel seguente video, il dottor Irving Kirsch, ospite al XVII Congresso AIAMCTCC e psicoterapia scientifica, nuove prospettive“, organizzato dall’Istituto Watson ci parla del mito
    degli antidepressivi e dell’effetto placebo.

     

    Libro sugli Attacchi di Panico

     

     

     

      Acconsento al trattamento dei dati personali secondo il nuovo regolamento generale della protezione dei dati dell’Unione Europea (GDPR) e delle successive modifiche e secondo la Privacy Policy presente nel sito.

    • Condividi
    • Articoli correlati
      depressione post partum
      12 Luglio 2022 | Depressione
      Di Rosanna Tremamondo

      Avete appena avuto un bimbo o una bimba, congratulazioni! L’unico problema è che continuate a piangere per un pannolino messo male, ve la prendete con il vostro/la vostra partner per delle sciocchezze e vorreste solo salire in macchina e scappare altrove, in qualsiasi posto, basta non pensare alla prossima volta in cui dovrete tirare fuori

      depressione fine amore
      07 Luglio 2022 | Depressione
      Di Stefania Durando

      La fine di una storia causa quasi sempre dolore e viene vissuta proprio come un lutto. La negazione è la prima reazione dopo la rottura e consiste nel rifiutarla. Affermazioni come: “Non puoi lasciarmi!” o “Non ci posso credere” sono esempi di negazione. Il sentimento che contraddistingue questa fase, quindi, è il rifiuto. La negazione

      pet terapy
      30 Giugno 2022 | Depressione
      Di Stefania Durando

      Possono le fusa di un gatto o lo scodinzolare di un cane aiutarci se soffriamo di ansia o depressione? In alcuni casi la risposta è affermativa. “Gli animali domestici offrono un amore incondizionato che può risultare molto utile alle persone che soffrono di depressione” afferma Ian Cook, psichiatra  e direttore del programma per la ricerca

      Seguici sui social


      © Copyright 2022 Istituto Watson Corso Vinzaglio 12/BIS Torino P.IVA: 02407780010 – Tutti i diritti su materiali e contenuti pubblicati sono protetti – Privacy PolicyCookie Policy